Skip to content

Mutamento politico in Sudamerica: l'avanzata dei partiti di sinistra

Informazioni tesi

  Autore: Niccolò Locatelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Gloria Pirzio Ammassari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 125

Tesi sulla cosiddetta "svolta a sinistra" del Sudamerica, che ha portato 7 Stati dell'area (Argentina, Brasile, Bolivia, Cile, Venezuela, Uruguay e da ultimo Perù) ad essere amministrati da partiti e coalizioni di sinistra e centro-sinistra.
Dopo aver illustrato le caratteristiche della transizione alla democrazia dei Paesi considerati, vengono individuati le cause fondamentali del mutamento politico del Sudamerica, fra cui il fallimento del Washington consensus e la revisione ideologica compiuta dai partiti di sinistra, che ha permesso loro di abbracciare una fetta più ampia dell'elettorato dei rispettivi Paesi.
Si distingue, con tanto di definizioni, fra sinistra riformista (quella di Lula, Kirchner, Lagos e Vazquez) e sinistra populista (di Chàvez e forse Morales).
Per Argentina, Brasile, Cile ed Uruguay viene analizzata la storia delle rispettive sinistre e l'operato dei governi sotto il profilo dell'economia, della politica sociale e dell'atteggiamento tenuto verso i responsabili dei crimini compiuti durante il precedente periodo dittatoriale.
Vengono descritti gli aspetti politici e sociali della "rivoluzione bolivariana" di Chàvez e i diversi usi - sul piano interno e su quello internazionale - che il presidente venezuelano fa del petrolio.
Sono analizzati l'indigenismo, ideologia di riferimento di Morales, e i primi atti del suo governo, compresa la discussa nazionalizzazione degli idrocarburi.
Si passa poi a considerare i governi delle sinistre nel loro complesso e all'analisi dell'evoluzione economico-politico-sociale dei Paesi del Sudamerica da loro governati. Si spiega la situazione internazionale, con il ridimensionamento dell'influenza degli Usa e il crescente interesse della Cina per l'area.
Vengono ipotizzati scenari favorevoli ad una efficace cooperazione regionale, e descritti i possibili ostacoli. Sono specificati i diversi interessi dei vari Stati in politica estera. Poi si descrivono due modelli di sinistra agli antipodi, quello del Cile e quello del Venezuela, e le pecche di entrambi (specialmente del modello di Chàvez).
Viene infine spiegato cosa rende il 2006 un anno cruciale e perchè l'opportunità che hanno i governi di sinistra nei vari Paesi è per molti versi storica.
Tesi aggiornata al 5 giugno 2006.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Nel 2006 il Sudamerica si presenta agli occhi del Mondo come un’area politicamente molto vivace e attraversata da profondi cambiamenti rispetto a solamente 10 anni fa: la cosiddetta “svolta a sinistra”, che ha portato al potere in vari Paesi partiti o coalizioni di centro-sinistra, prosegue con la vittoria di Michelle Bachelet in Cile e di Alan Garcìa in Perù 1 . C’è tanta “sinistra” oggi in Sudamerica, e su di essa gravano le aspettative di milioni di persone, frustrate dall’esperienza neoliberale degli anni ’90. C’è tanta sinistra e ci sono tante sinistre, diverse fra loro per origini e modo di operare. C’è la sinistra di Argentina e Brasile, Paesi nei quali il socialismo non ha mai avuto grande seguito elettorale, e che sono guidati da due Presidenti, Kirchner e Lula, capaci di governare saggiamente e finora ottemperanti alle indicazioni dei grandi istituti internazionali (FMI), anche a costo di sacrifici e cali di popolarità interna. C’è la coalizione di centro-sinistra del Cile, che dopo aver rimosso alcune pregiudiziali ideologiche risalenti all’epoca di Allende, amministra oggi uno Stato che ha realizzato, anche grazie al contributo dei socialisti di Lagos, un’apertura ai mercati internazionali che non ha eguali nell’area, e che continua a seguire il modello neoliberale bistrattato dal resto del continente, seppur parzialmente corretto in chiave “sociale”. C’è la sinistra dell’Uruguay, presenza storica nel panorama politico del Paese, finalmente in grado di capitalizzare al momento delle elezioni il consenso conquistato sul campo in anni di battaglie politiche. C’è poi la sinistra di Chàvez in Venezuela, identificabile come populista; il colonnello ha avviato la “rivoluzione bolivariana” a favore delle classi povere cercando e trovando lo 1 Il caso del Perù non è trattato in questa tesi perché la vittoria del candidato di sinistra è arrivata oltre la data limite prevista per la consegna della tesi stessa. Alan Garcìa, candidato presidente del Partido Aprista Peruano e già presidente del Paese fra il 1985 e il 1990, si è imposto nel secondo turno delle elezioni presidenziali del 4/6/2006 sul candidato nazionalista Ollanta Humala, raccogliendo il 52,625% dei voti validi. Da www.politicalresources.com.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

america latina
argentina
bolivia
chavez
cile
cina
concertaciòn por la democracia
internazionale
kirchner
lula
mercosur
morales
partiti socialisti
petrolio
politica
populismo
sinistra
sudamerica
tabarè
terza ondata di democratizzazione
uruguay
washington consensus

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi