Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I ragazzi in biblioteca: la prospettiva italiana a confronto con esperienze internazionali

Il lavoro analizza le attuali linee di sviluppo dei servizi bibliotecari per ragazzi, con particolare riferimento al contesto italiano, soffermandosi sui rapporti tra biblioteca per ragazzi e scolastica. Vengono analizzati i documenti internazionali di riferimento: le linee guida IFLA-UNESCO sulla biblioteca per ragazzi e scolastica e le linee guida PULMAN, con particolare riguardo al tema della formazione professionale. Infine si ipotizza un riposizionamento dei servizi bibliotecari per ragazzi nel contesto della società dell’informazione, con un’analisi di casi concreti (CHILIAS e ICDL).

Questa tesi è pubblicata anche su http://dspaceunipr.cilea.it/bitstream/1889/443/1/dspace.pdf

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione L’idea che sta alla base di questo lavoro è che il compito della biblioteca per ragazzi vada molto al di là della promozione della lettura. Promuovere l’amore per la lettura (ma si può davvero farlo?) è stato sinora il compito principe della biblioteca per ragazzi in Italia. Nel corso della trattazione cercheremo di mostrare come questa attività, seppur importante, abbia assunto un peso eccessivo che va ridimensiona- to. Il lavoro prende le mosse analizzando una questione terminologica: che differenza c’è tra sezione ragazzi e biblioteca per ragazzi? Parlare di se- zione ragazzi piuttosto che di biblioteca ragazzi sottende una diversa con- cezione del servizio perché l’utilizzo della parola sezione implica una par- tizione all’interno di un tutto col quale non c’è separatezza, ma continuità. Così come la biblioteca per ragazzi non è una biblioteca speciale, così an- che la biblioteconomia giovanile non è una categoria a sé stante, separata dalla biblioteconomia tout court. L’età dell’utenza servita non cambia la fi- losofia alla base del servizio che oggi più che mai è improntato a un con- cetto di amichevolezza, concetto nato, appunto, nelle biblioteche per ra- gazzi. Siamo poi passati ad analizzare lo sviluppo storico della biblioteca per ra- gazzi, la cui storia data ormai da oltre 150 anni negli Stati Uniti e in Inghil- terra, in Italia, invece, è molto più recente e si sovrappone a quella della biblioteca scolastica, con una confusione storica dei ruoli delle due istitu- zioni. La biblioteca scolastica è parte integrante dell’istituto cui essa afferi- sce e svolge un ruolo di sostegno alla didattica. L’equivoco storico cui ac- cennavamo sopra nasce dallo scarso radicamento dell’istituzione bibliote- ca scolastica nel nostro Paese. La situazione attuale viene qui analizzata soffermandosi in particolar modo sulla figura del bibliotecario scolastico.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Valeria Baudo Contatta »

Composta da 232 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3354 click dal 21/07/2006.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.