Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tentativi di Marketing nel trasporto pubblico locale. L'azienda per la mobilità nell'area cosentina


Cosenza: piccola città, ma con un vastissimo comprensorio ed una della province più estese del territorio nazionale.
Emerge da questo quadro una necessità vitale (comune per altro a tutti i contesti urbani): il bisogno dei cittadini di spostarsi, collegando un territorio per ampi tratti omogeneo,
ma decisamente disarticolato.
L’AMACO (Azienda per la Mobilità nell’Area Cosentina) si occupa appunto dell’erogazione di questo tipo di servizio. La società, diretta discendente della vecchia municipalizzata cosen- tina (l’ATAC), in seguito agli interventi riformatori in materia di Pubblica Amministrazione e di servizi, si è trasformata attraverso un duplice passaggio in una società per azioni. Questo è stato un risultato da più parti auspicato, ma ancora oggi presenta degli aspetti da migliorare, da una parte, e da modificare completamente, dall’altra.
L’effettiva separazione tra l’ente locale (il Comune di Cosenza) e l’azienda di servizi (“ente strumentale” si sarebbe detto in passato) è un aspetto per molti versi ancora irrisolto e a volte poco chiaro.
Il marketing si presenta in questo contesto come uno strumento (e prima ancora come una logica di orientamento aziendale) che permette di porre al centro di ogni processo, accanto alle esigenze di tipo prettamente finanziario, l’effettiva soddisfazione dell’utenza.
Nel settore del TPL è questa una questione di importanza fondamentale. Il trasporto pubblico è uno dei servizi che generano maggiore malcontento nell’utenza, provocando un imponente riflusso verso il mezzo privato. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: traffico infernale, disservi- zi, inquinamento e stress.
Il marketing ha quindi il ruolo fondamentale di coniugare la predisposizione di un servizio efficiente ed efficace per l’utenza insieme alle esigenze di una società immersa nel mercato.
E non è assolutamente detto che questi due aspetti non viaggino parallelamente e proporzio-
nalmente l’uno rispetto all’altro.
A Cosenza, nell’AMACO, un approccio marketing-oriented vero e proprio non è stato mai uti-
lizzato. Ma questo non impedisce all’attività aziendale di utilizzare strumenti che, anche se disaggregati ed isolati, si richiamano in qualche modo a questa disciplina.
Il compito di questo lavoro è proprio quello di far emergere analiticamente gli aspetti riferibi-li ad un approccio orientato al marketing, attraverso il quale, secondo chi scrive, si riuscireb-be ad invertire la tendenza di disaffezione e di allontanamento dal TPL. Senza dimenticare, altresì, di criticare quelle che sono le mancanze, dolose e colpose, degli organi amministrativi, che il più delle volte ragionano solo in un’ottica di contrapposizione politica, dimenticandosi dell’ampio respiro sociale che hanno i servizi.
I quali restano e resteranno indirizzati ai cittadini. In breve: a tutti noi.


Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZ IONE Le città moderne esprimono la necessità di un servizio di trasporto efficace e razionalmente indirizzato alla soddisfazione dei bisogni dei cittadini. Tutto ciò generalmente non avviene e - non a caso - il trasporto pubblico locale è uno dei servizi che meno soddisfa i cittadini nella loro veste di utenti. Il lavoro seguente è improntato alla conoscenza di una situazione specifica - quella di Cosenza e della sua Azienda di trasporto pubblico - assunta come esemplificativa del lento processo di rinnovamento del settore. Rinnovamento che ancora oggi viene frenato da numerosi ostacoli, quali la burocratizzazione e la politicizzazione della gestione dei servizi. Attraverso questo lavoro di “conoscenza” si è voluto dar conto, inoltre, di quelle che potrebbero essere le soluzioni future, indirizzate al miglioramento continuo dell’intero servizio. Avendo però ben in mente che il motore della trasformazione resta sempre il cittadino, portatore di un vitale bisogno di mobilità.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Fabio Melia Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1359 click dal 26/07/2006.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.