Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'inserimento della teoria dei sistemi non-lineari in ambito gerontologico

I recenti sviluppi nel campo della psicologia dell’anziano hanno messo sempre più in discussione il modello dell’invecchiamento come caratterizzato da una perdita globale e generalizzata di tutte le funzioni. Uno dei punti salienti dei recenti studi sulla materia è considerare la stretta relazione tra il processo di sviluppo e quello d’invecchiamento. A questo proposito la Teoria dei Sistemi Non-Lineari, comunemente nota come teoria del caos, fornisce un inquadramento epistemologico che mette in risalto i cambiamenti che interessano l’individuo durante tutto l’arco della vita, utilizzando metafore e concetti (come quello di biforcazione e margine del caos) mutuati da studi in campi estranei alla psicologia, ma i cui principi trovano modo di essere inseriti in questa disciplina.
Viene posto inoltre l’accento sulla nozione di adattamento come dimensione utile all’indagine del senescente, tentando una proposta di modello che prende come base lo studio dei paesaggi di fitness.
La base epistemologica che guida la presente dissertazione è principalmente di carattere metateorico, in quanto si propone come sovrastruttura teorica che possa guidare la ricerca in ambito gerontologico: una disciplina in statu nascendi (Schroots, 1995b) che attende maggiori approfondimenti teorici e conferme da parte della ricerca futura.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Abstract (versione italiana) I recenti sviluppi nel campo della psicologia dell’anziano hanno messo sempre più in discussione il modello dell’invecchiamento come caratterizzato da una perdita globale e generalizzata di tutte le funzioni. Uno dei punti salienti dei recenti studi sulla materia è considerare la stretta relazione tra il processo di sviluppo e quello d’invecchiamento. A questo proposito la Teoria dei Sistemi Non-Lineari, comunemente nota come teoria del caos, fornisce un inquadramento epistemologico che mette in risalto i cambiamenti che interessano l’individuo durante tutto l’arco della vita, utilizzando metafore e concetti (come quello di biforcazione e margine del caos) mutuati da studi in campi estranei alla psicologia, ma i cui principi trovano modo di essere inseriti in questa disciplina. Viene posto inoltre l’accento sulla nozione di adattamento come dimensione utile all’indagine del senescente, tentando una proposta di modello che prende come base lo studio dei paesaggi di fitness. La base epistemologica che guida la presente dissertazione è principalmente di carattere metateorico, in quanto si propone come sovrastruttura teorica che possa guidare la ricerca in ambito gerontologico: una disciplina in statu nascendi (Schroots, 1995b) che attende maggiori approfondimenti teorici e conferme da parte della ricerca futura.

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Fabio Regis Contatta »

Composta da 193 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1823 click dal 25/07/2006.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.