Skip to content

Il Comitato delle Regioni nell'Unione Europea

Informazioni tesi

  Autore: Vincenzo Carollo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giuseppe Palmisano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 212

II Comitato delle Regioni è oggi un organo complementare delle istituzioni comunitarie,rappresentativo delle regioni e degli enti locali in seno all’UE, il cui posto ed importanza nel sistema istituzionale europeo è dovuto alla sua esperienza e sulla sua competenza nell'ambito delle questioni regionali e locali dei differenti livelli sub-statali dell'Unione Europea.
La creazione di quest’ organo europeo è nata dalla consapevolezza che lo sviluppo e la crescita dell’economia dell’Unione Europea siano strettamente connessi allo sviluppo della dimensione locale. Così nel corso di questa politica comunitaria, in virtù della necessità di perseguire obiettivi specifici a livello europeo è emersa la necessità di rafforzare l’autonoma capacità di sviluppo delle singole realtà territoriali, al fine di ottenere una crescita più armoniosa , più equilibrata e duratura.
Queste considerazioni unite a quelle più tradizionali di stampo europeo dove il processo di integrazione europea deve realizzarsi in modo da garantire quanto più possibile il rispetto delle specificità culturali presenti nel territorio,rispettando,dove possibile,gli spazi autonomistici già riconosciuti dagli stati membri ,sono state poste in essere con il Trattato di Maastricht.
Infatti è soltanto con il Trattato di Maasticht che si è avuto la prima svolta decisiva e sostanziale nel processo di riconoscimento delle realtà subnazionali all’interno dell’Unione, con l'istituzione il 7 febbraio del 1992 del Comitato delle Regioni (CdR) che ha rappresentato la soluzione al problema della rappresentanza regionale in seno alla Comunità Europea con la creazione di un nuovo organo intermediario del dialogo tra Regioni e Comunità Europea, costituito dai rappresentanti delle collettività regionali e locali di tutti gli Stati membri.
Il Comitato svolge un’attività consultiva tra la Commissione, il Parlamento e il Consiglio, consentendo ai rappresentanti delle collettività locali e regionali di esprimere pareri sulle politiche dell'Unione europea, di far valere il punto di vista locale e regionale nella legislazione comunitaria ed elaborare pareri sulle proposte della Commissione, che costituisce l’attività più rilevante.
E’ la più giovane istituzione dell’ Unione europea e la sua creazione riflette la volontà degli Stati membri di rispettare le identità e le prerogative degli enti regionali e locali e renderli partecipi dello sviluppo e dell’attuazione delle politiche europee.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Questo lavoro prenderà in esame l’evoluzione delle autonomie locali in ambito europeo avvenuta con il netto rafforzamento del federalismo e del regionalismo sul piano degli ordinamenti interni, a partire dall’immediato dopoguerra. La Convenzione del 15 Ottobre 1985, la “Carta europea dell’autonomia regionale”, ha attribuito un ruolo crescente alle autonomie territoriali, fino all’istituzione del Comitato delle Regioni, organo consultivo, con sede a Bruxelles, che garantisce la rappresentanza dei poteri locali e regionali nell'ambito dell'Unione europea e composto di 222 membri che, avendo la qualità di eletti municipali e regionali, rappresentano un ventaglio completo delle attività in materia di politica locale e regionale nell'ambito dell'Unione europea. Si tratta ad esempio di presidenti di regioni, di parlamentari regionali, di consiglieri municipali, di sindaci di grandi città, ecc... Previsto dal Trattato sull'Unione europea, è stato creato nel 1994 e svolge un ruolo complementare nel processo decisionale tra la Commissione, il Parlamento e il Consiglio, consentendo, infatti, ai rappresentanti delle collettività locali e regionali di esprimere pareri sulle politiche dell'Unione europea. Dal momento dell'entrata in vigore del Trattato d'Amsterdam nel 1999, il Comitato delle regioni dispone di una struttura organizzativa autonoma e stabilisce il proprio regolamento interno (senza la previa approvazione del Consiglio come avveniva in passato). Inoltre, la sfera d'azione del Comitato è stata considerevolmente estesa, in particolare nei settori sociale, ambientale e dei trasporti. Come si vedrà meglio il ruolo del Comitato delle regioni è di far valere il punto di vista locale e regionale nella legislazione comunitaria e l’elaborazione di pareri sulle proposte della Commissione costituisce la pietra angolare di tale attività. Inoltre, il Comitato delle regioni contribuisce al corretto funzionamento dell'Unione europea in quanto garante del "principio di sussidiarietà". Secondo questo principio, l'Unione deve agire solo quando un'azione a livello comunitario si rivela più efficace di un'azione intrapresa a

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comitato regioni
enti locali ue

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi