Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Autismo: teorie, prassi ed interventi educativi. Esperienza al centro A.I.A.S. di Acireale (CT)

Sono venuta a conoscenza dell'autismo quando frequentavo il Liceo-socio-psico-pedagogico,durante la visione di un film, intitolato Rain man.
La visione di questo film ha suscitato in me l'interesse per l'autiamo,uno degli handicap che,durante il corso dei miei studi,ho avuto modo più volte di approfondire.
E' stato,però,quando dovevo scegliere l'argomento da trattare nella mia tesi di laurea che ho deciso di studiare l'autismo.
Il mio studio sull'autismo comprende cinque capitoli.
Il primo capitolo fornisce un definizione sull'autismo e,dopo una breve storia degli studi condotti su questo tipo di handicap,indica quali sono i sintomi e come si manifesta il disturbo,parla delle ricerche sull'eziologia dell'autismo e descrive le caratteristiche del bambino autistico.
Il secondo capitolo ha come obiettivo la descrizione degli interventi educativi,applicati nei centri specializzati per ottenere il miglioramento delle condizioni di vita dei soggetti affetti da autismo.
Il terzo capitolo prende in esame il ruolo die genitori del bambino autistico,i loro atteggiamenti,i comportamenti e i problemi che spesso rendono difficile il rapporto tra genitori e figlio.
Il quarto capitolo descrive come viene trattato il soggetto autistico nelle scuole,mettendo in evidenza le iniziative della scuola elementare,media e superiore,il cui comune obiettivo principale è rendere autonomo il più possibile il soggetto al fine di favorirne l'integrazione nel lavoro e nella società.
Il quinto capitolo riguarda l'esperienza che ho svolto presso il centro A.I.A.S. di Acireale (Ct),con le impressioni e le emozioni che ho provato osservando e partecipando alle terapie per i bambini autistici.
La conclusione mette in evidenza che l'autismo è un tipo di handicap il cui studio deve essere ancora approfondito per arrivare a conoscerne le cause ed elaborare nuovi metodi di riabilitazione e recupero più efficaci e idonei a garantire al soggetto l'autonomia personale e l'integrazione sociale.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Sono venuta a conoscenza del problema dell’autismo quando frequentavo il liceo socio-psico-pedagogico, durante la visione di un film, intitolato Rain man. Il protagonista, Charlie, è un commerciante d’auto che, dopo la morte del padre, scopre che l’eredità è divisa tra lui ed un uomo a lui sconosciuto a cui erano stati assegnati quasi tutti i possedimenti. Charlie, perciò, comincia ad indagare sulla vita del padre e scopre che l’uomo con cui divide l’eredità è suo fratello. Gli viene, quindi, l’idea di cercarlo e lo trova in un istituto specializzato, in quanto è un soggetto affetto da autismo. Charlie inizia a relazionarsi con il fratello, Raimond, fino al punto da decidere di portarlo via con sé. Inizialmente, egli non comprendeva gli atteggiamenti, i comportamenti e le stereotipie di Raimond ma, a poco a poco, si affeziona a lui e scopre che egli ha delle particolari doti di memoria e che è capace di eseguire delle operazioni matematiche anche

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Floriana Fisichella Contatta »

Composta da 210 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 34655 click dal 02/08/2006.

 

Consultata integralmente 64 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.