Skip to content

La professione del cool hunter

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Gentile
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Alberto Abruzzese
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 223

Questo lavoro si prefigge l’obiettivo di analizzare una figura professionale di recente acquisizione nel settore della moda (e non solo) - nata e richiesta dal mutamento dei percorsi e dei meccanismi stessi del sistema industriale - che costituisce oggi, per molte aziende, un valido contributo nelle strategie di posizionamento del brand. Per capire ed accettare la rilevanza di una professione apparentemente ludica come quella del cool hunter (letteralmente “cacciatore di tendenza”) è necessario riconsiderare il sistema moda alla luce degli attuali scenari e in generale il significato sociale dei trend nella realtà contemporanea.
Dal secondo dopoguerra in poi alcune subculture adolescenziali cominciano a creare look così efficaci, da far presagire il modo in cui l’adolescente medio si vestirà nelle stagioni successive, molto più incisivamente di quanto siano in grado di fare tante aziende del Fashion System. In altri termini, si inizia a fare i conti con un fenomeno nuovo che vede l’innovazione stilistica partire fra quelle categorie di persone percepite come marginali dalla cultura dominante, in aree urbane che si rivelano un vivaio anche per altri tipi di innovazione (musica, arte, ecc). I teen-ager oggi creano propri codici e se li comunicano reciprocamente; sono diventati i veri decision maker e questo, le grandi aziende del brand system, l’hanno capito. Ma non solo, il consumatore in generale, è oggi un individuo sempre più flessibile, abile a districarsi tra le numerose proposte del mercato, spesso incoerente e mosso da motivazioni di consumo istintuali, più che razionali. Dunque, non solo la moda, ma il sistema industriale tutto, ha bisogno di anticipare le tendenze del mercato, ed è proprio questa necessità che sta alla base dei conflitti tipici delle imprese, tra l’area commerciale e vendite (che tende a privilegiare ciò che si è venduto bene nell’anno o nella stagione precedente) e l’area stile e di prodotto che coltiva, o dovrebbe coltivare, una visione anticipativa dei bisogni del mercato. Non si tratta tanto di prevedere ciò che il consumatore vuole, ma piuttosto di proporgli l’evoluzione di un concetto che ha già apprezzato, ma che deve necessariamente evolvere, essere sviluppato per poi essere compreso, e quindi vendibile. Le aziende hanno bisogno di guide ‘speciali’ in grado di comprendere il ‘linguaggio’ della cultura e della società. Gli imprenditori d’oggi devono essere dotati di grande sensibilità e soprattutto accettare che non basta proporre al mercato quello che il mercato vuole oggi, perché sarebbe già un prodotto superato, out! Occorre, invece, capire che cosa vorrà nel futuro prossimo, senza però spingersi troppo avanti o su bisogni lontani dai target aziendali.

La prima parte di questa ricerca, è dedicata ad un escursus storico-culturale delle principali tribù di stile dagli anni Sessanta ai giorni nostri, con una considerazione sull’influenza che gli stili di strada esercitano oggi nel panorama della realtà globale; nella seconda parte si entra nel merito della metodologia di lavoro del cool hunter, cercando anzitutto di capire come agisce il fenomeno delle tendenze, e analizzando poi le fonti da cui trarre le informazioni che permettono di elaborare quei concetti creativi utili alle aziende; nel terzo capitolo si è cercato di inquadrare il profilo professionale del ricercatore di tendenze, attraverso i suoi percorsi formativi, le competenze e il suo ruolo nel processo che va dall’ideazione alla commercializzazione di un prodotto; infine l’ultimo capitolo è rivolto agli ambiti lavorativi che lo vedono coinvolto, sia per quanto riguarda i settori merceologici, che le strutture per le quali opera.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE “Nella preistoria l’abbigliamento era uniforme perché il mondo non era differenziato; una pelle di animale serviva per tutte le situazioni e tutte le circostanze. La metamorfosi comincia quando il valore protettivo delle vesti cede il posto a quello simbolico distintivo, per cui ogni variazione delle vesti del corpo rinvia ad una variazione del mondo”. (Umberto Eco) Questo lavoro si prefigge l’obiettivo di analizzare una figura professionale di recente acquisizione nel settore della moda (e non solo) - nata e richiesta dal mutamento dei percorsi e dei meccanismi stessi del sistema industriale - che costituisce oggi, per molte aziende, un valido contributo nelle strategie di posizionamento del brand. Per capire ed accettare la rilevanza di una professione, apparentemente ludica, come quella del cool hunter (letteralmente “cacciatore di tendenza”) è necessario riconsiderare il sistema moda alla luce degli attuali scenari e in generale il significato sociale dei trend nella realtà contemporanea. La società oggi ci svela uno scenario diverso. Siamo in un’epoca che Bauman (2000) definisce modernità liquida, in cui si assiste ad una crescente segmentazione degli interessi culturali all’interno delle classi sociali, che risultano meno omogenee proprio perché frammentate in

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cool hunter
cool hunting
marketing
professione
trend setter

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi