Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il partenariato pubblico privato e l'introduzione del dialogo competitivo in Italia

A seguito della prassi da alcuni anni crescente, nell’utilizzo di nuove forme di collaborazione tra amministrazione pubblica e settore privato, specie in settori caratterizzati da un certo livello di complessità tecnica, come appare essere quello dei lavori pubblici, nell’Unione Europea (UE) e di conseguenza in Italia, si sta assistendo ad una progressiva crescita nell’impiego di Partnership tra pubblico e privato (PPP), proprio nel suindicato ambito. Ciò non è passato inosservato alle istituzioni, specie comunitarie, le quali già da alcuni anni hanno manifestato interesse verso il fenomeno, fino all’emissione di un Libro Verde sul PPP , e ancora più importante, di una direttiva, la 2004/18/CE (d’ora in poi, la direttiva) la quale introduce nuovi strumenti idonei a rendere più efficienti il quadro normativo europeo dei lavori pubblici, uno dei quali, il dialogo competitivo sta destando forte interesse ed alimentando un certo dibattito, finalizzato a studiarne l’applicazione, perché consente all’amministrazione pubblica di convocare anteriormente alla fase di gara (d’appalto o finalizzata alla realizzazione di relazioni di PPP, come più avanti si vedrà), gli operatori di mercato al fine di ottenere le informazioni necessarie per poter porre in essere complessi appalti od operazioni di PPP.
Stante quindi l’interesse crescente in questo ambito, appare interessante analizzare come queste nuove modalità di intervento possano essere adoperate, ed eventualmente adattate nell’UE, e specificamente nella realtà italiana, al fine di superare il cronico deficit infrastrutturale che caratterizza il nostro Paese, con particolare riferimento al dialogo competitivo, di cui la direttiva accenna una procedura per così dire standard, all’art. 29, e come possa integrarsi nella prassi vigente in Italia.
Come obiettivo appare importante analizzare le nuove procedure ad oggetto, PPP e dialogo competitivo, al fine di poter dimostrarne l’applicabilità nella situazione italiana (oltre che comunitaria), manifestandone i relativi benefici; per far ciò ci si serve, stante l’assenza di precisi riferimenti (normativi, o meramente applicativi), delle prassi vigenti nei paesi in cui già sussistono questi istituti, e che tipicamente, sono riconducibili a tradizioni giuridiche di common law.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE A seguito della prassi da alcuni anni crescente, nell’utilizzo di nuove forme di collaborazione tra amministrazione pubblica e settore privato, specie in settori caratterizzati da un certo livello di complessità tecnica, come appare essere quello dei lavori pubblici, nell’Unione Europea (UE) e di conseguenza in Italia, si sta assistendo ad una progressiva crescita nell’impiego di Partnership tra pubblico e privato (PPP), proprio nel suindicato ambito. Ciò non è passato inosservato alle istituzioni, specie comunitarie, le quali già da alcuni anni hanno manifestato interesse verso il fenomeno, fino all’emissione di un Libro Verde sul PPP 1 , e ancora più importante, di una direttiva, la 2004/18/CE (d’ora in poi, la direttiva) la quale introduce nuovi strumenti idonei a rendere più efficienti il quadro normativo europeo dei lavori pubblici, uno dei quali, il dialogo competitivo sta destando forte interesse ed alimentando un certo dibattito, finalizzato a studiarne l’applicazione, perché consente all’amministrazione pubblica di convocare anteriormente alla fase di gara (d’appalto o finalizzata alla realizzazione di relazioni di PPP, come più avanti si vedrà), gli operatori di mercato al fine di ottenere le informazioni necessarie per poter porre in essere complessi appalti od operazioni di PPP. Stante quindi l’interesse crescente in questo ambito, appare interessante analizzare come queste nuove modalità di intervento possano essere adoperate, ed eventualmente adattate nell’UE, e specificamente nella realtà italiana, al fine di superare il cronico deficit infrastrutturale che caratterizza il nostro Paese, con particolare riferimento al dialogo competitivo, di cui la direttiva accenna una procedura per così dire standard, all’art. 29, e come possa integrarsi nella prassi vigente in Italia. 1 Commissione delle Comunità Europee, “Libro Verde relativo ai Partenariati Pubblico-Privati e al diritto comunitario degli appalti pubblici e delle concessioni”, Bruxelles, 3 Aprile 2004.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Daniele Curcuruto Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7042 click dal 29/08/2006.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.