Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Topografia antica del territorio dei comuni di Casapesenna e San Cipriano d'Aversa

Ricognizione del territorio comunale, studio dei materiali raccolti e dei dati di archivio, analisi dei dati raccolti per un ricostruzione delle dinamiche insediative antiche e la redazione di una carta archeologica.
Uno studio approfondito di un'area dell'ager campanus poco conosciuta.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE E CENNI STORICI SUL TERRITORIO Studiare un territorio come quello di Casapesenna e San Cipriano significa aver a che fare con una fondamentale mancanza di documenti e fonti, dato che l’area non è stata mai oggetto di studio di carattere archeologico; diversa è la situazione se volgiamo l’attenzione al più ampio contesto nel quale si inserisce la zona in questione. Per le epoche più antiche (preistoria e protostoria) non possiamo che raccogliere notizie sporadiche relative a territori vicini a quello indagato. Perforazioni profonde effettuate nel territorio di Parete hanno messo in evidenza l’esistenza per il Pleistocene Medio di un complesso vulcanico sommerso 1 , mentre ad epoca eneolitica sono attribuiti gli oggetti litici conservati presso il Museo Campano di Capua e ritrovati a Carinaro, Lusciano e Casaluce 2 . Elia menziona, poi, il ritrovamento, durante scavi effettuati in occasione della costruzione della Direttissima Roma-Napoli, a Frignano Piccolo (attuale Villa di Briano) di «una grande olla ad impasto bruno- nerastro a forma di tronco di cono rovescio, con apertura e margine irregolare alta circa 0,41 m» 3 . Lo studioso sottolinea che le condizioni particolari del ritrovamento non permettono di trarre informazioni sicure dall’oggetto in questione; suggerisce, però, che si possa trattare di un vaso appartenuto «ad una più antica deposizione dell’XI o X secolo av. Cr., giacente in uno strato fortuitamente investito dalla messa in opera della tomba, alla fine del IV secolo av. Cr.» 4 . Fig. 1. Reperti di Casaluce, Museo Campano di Capua (Cantile 1994, p. 37). 1 Gasdotto transmediterraneo 1998, p. 93. 2 GUADAGNO 1976, pp. 55-68. 3 NS 1937, p.116, n. 148013. 4 NS 1937, p. 116, nota 1. 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marialuisa Zara Contatta »

Composta da 214 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3276 click dal 22/02/2007.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.