Skip to content

Le Gazzelle Italiane dell'High Tech ed il caso Veneto

Informazioni tesi

  Autore: Arianna Franceschini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Economia
  Corso: Commercio estero
  Relatore: Anna Comacchio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 90

Questa tesi vuole analizzare le principali caratteristiche delle imprese innovative con riferimento alla tradizionale letteratura sull’economia dell’innovazione, partendo dal tradizionale approccio schumpeteriano per poi prendere in considerazione la misurazione dell’innovazione e di conseguenza l’analisi degli indicatori di innovazione . Viene poi esaminata la relazione tra mondo accademico e innovazione all’interno delle imprese studiando a tal fine il fondamentale ruolo degli spin-off (sia degli universitary spin-off che di quelli di tipo corporate) e degli spillover di conoscenza. Il quadro poi si restringe sul sistema innovativo italiano. Vengono qui analizzati il ruolo del sistema della ricerca, dei policy maker, dei centri per l’innovazione ed il trasferimento tecnologico, ed infine delle imprese spin-off della ricerca pubblica in Italia. L’ultimo paragrafo del primo capitolo descrive poi le imprese qualificabili come Gazzelle secondo la classificazione di David Birch. Partiamo da una caratterizzazione globale per poi soffermarci sulle caratteristiche delle Gazzelle Italiane.
Il secondo capitolo è destinato all’analisi del “Rapporto RITA 2005” del Dipartimento di Ingegneria Gestionale del Politecnico di Milano. Vogliamo qui prendere in considerazione le New Technology Based Firms Italiane, la loro attività innovativa, i loro tassi di uscita dal mercato, i loro tassi di crescita, il loro rapporto con il mercato dei capitali e con il finanziamento pubblico. Vengono poi approfonditi gli stessi aspetti per il sottocampione delle start-up di tipo accademico.
L’ultimo capitolo considera lo scenario innovativo del Veneto nel panorama europeo al fine di valutarne la competitività. Tra gli aspetti presi in considerazione abbiamo: l’attività di R&S, la Bilancia Tecnologica dei Pagamenti, i brevetti, gli stimoli regionali all’innovazione, le leggi regionali, le New Technology Based Firms operanti nella regione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Oggi più che in passato la capacità competitiva delle imprese dipende dalla performance innovativa che esse riescono a mantenere nel tempo, in risposta alle pressioni provenienti dal mercato, dalle tecnologie e dalle normative. Così intesa, l’innovazione è generata in primo luogo da una spinta a sfruttare le opportunità, monitorando costantemente anche la necessità di far fronte alle minacce che provengono dall’esterno sottoforma di eventi che definiscono ex ante i percorsi e la velocità della performance innovativa stessa. Rispondere con efficienza ed efficacia ai cambiamenti dettati dalle diverse esigenze dei clienti attraverso l’utilizzo di nuove tecnologie e nuova conoscenza, diventa quindi un passaggio obbligato per la crescita delle imprese, con conseguenti modifiche della pressione della concorrenza ed in generale del legame tra innovazione, competitività e crescita economica. La Commissione Europea, in una serie di studi sulle politiche dell’innovazione, nell’ambito del programma “Innovazione e PMI”, ha diffuso i punti essenziali relativi alle problematiche emerse: - distribuzione disomogenea dell’innovazione, nel senso che la capacità innovativa dell’industria risulta pesantemente spostata verso aziende di maggiori dimensioni, a fronte della debolezza innovativa di buona parte delle PMI che utilizzano tecnologie tradizionali; - carattere sistematico e multidimensionale dell’innovazione che richiede lo sviluppo di adeguati strumenti per valorizzare il potenziale insito nei collegamenti tra scienza e industria; - necessità di non limitare l’innovazione a settori altamente specializzati. Se così fosse, il rischio sarebbe infatti, quello di perdere la possibilità di migliorare la competitività e lo sviluppo di nuovi prodotti o processi nei settori più tradizionali dell’industria. E’ noto che scienza e tecnologia non possono produrre crescita e sviluppo senza la presenza di capacità imprenditoriali, ma è altrettanto scontato che l’imprenditoria non può produrre progresso senza conoscenza scientifica e tecnologica acquisite da poli di eccellenza o da altre imprese o da ricerche fatte all’interno della propria impresa. Infatti, la ricerca è soprattutto attività teorica; il compito di orientarla al mercato, a nuovi prodotti, a nuovi processi, è del management aziendale attraverso i processi di innovazione che naturalmente coinvolgono investimenti e finanza. Tradizionalmente, il vantaggio competitivo delle imprese dipendeva da fattori quali la dimensione, la brand name, o la dotazione patrimoniale. Negli ultimi anni questo scenario è cambiato, favorendo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

brevetti
citt
economia dell'innovazione
gazzelle
high tech
incubatore
innovazione
new technology based firm
parchi scientifici e tecnologici
pmi, piccole medie imprese
politiche per l'innovazione
relazioni tra università e impresa
ricerca accademica
ricerca e sviluppo
smes small medium enterprises
spillover di conoscenza
spin off
start up accademiche
start up
technology parks

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi