Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Project Financing per enti locali: Quali aspettative?

Project financing per enti pubblici, enti locali. Quali le aspettative, la storia e la sua evoluzione. Quali i vantaggi, le caratteristiche i rischi, e tutto cio' che riguarda questo strumento in sempre crescente diffusione. Vedi l'indice per ulteriori argomenti trattati.


In questa esposizione tratterò il Project Financing esclusivamente applicato alle Opere Pubbliche, cercando di descrivere quelle che sono le caratteristiche proprie di tale strumento e di analizzare la sua applicazione sul territorio italiano, tenendo conto del contesto normativo e istituzionale su cui esso dovrà poggiare.
Nella prima parte dell’elaborato fornirò una definizione del Project Financing, dei suoi punti di forza e dei concetti chiave che lo contraddistinguono, per poi passare ad illustrare più specificamente gli strumenti di cui esso si compone, i soggetti che tale operazione vede coinvolti, i rischi che ne derivano, l’iter da seguire per portare a compimento il progetto, nonché gli strumenti di cui esso dispone e la descrizione della struttura di cui si compone.
La prima parte dell’elaborato cerca, inoltre, di illustrare la Finanza di Progetto nel suo aspetto più tecnico, lasciando alla seconda parte il compito di illustrare l’applicazione pratica tramite l’analisi dei dati numerici e il supporto dei grafici. In aggiunta, si cercherà di ragionare sugli aspetti che hanno limitato o che limitano tuttora l’utilizzo dell’istituto in esame e su quali vantaggi esso può apportare a nazioni con caratteristiche proprie di quella italiana.
Nella seconda parte dell’elaborato, inoltre, verranno presi in considerazione alcuni casi concreti verificatisi nel nostro paese e in particolar modo verrà presentato il caso della costruzione e gestione dell’ Ospedale di Mestre in Project Financing.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Le prime operazioni di Project Financing sono state realizzate negli Stati U- niti nel settore della produzione elettrica. Erano operazioni che avvenivano in campo strettamente privatistico in quanto, privata era la società che rea- lizzava l’impianto di produzione di energia e privata era la società che acqui- stava l’energia prodotta attraverso contratti di fornitura a lungo periodo. Il Project Financing nasce, dunque, come operazione realizzata tra privati che non riguarda il settore pubblico, il quale conosce questo tipo di strumen- to finanziario solo agli inizi degli anni ’90. Più precisamente siamo nel 1992 quando il governo conservatore britannico lancia la cosiddetta Private Fi- nance Iniziative (PFI), un programma teso a creare un contesto istituzionale favorevole al coinvolgimento dei privati nella realizzazione degli investimenti pubblici. In questa esposizione tratterò il Project Financing esclusivamente applicato alle Opere Pubbliche, cercando di descrivere quelle che sono le caratteristi- che proprie di tale strumento e di analizzare la sua applicazione sul territorio italiano, tenendo conto del contesto normativo e istituzionale su cui esso do- vrà poggiare. Nella prima parte dell’elaborato fornirò una definizione del Project Financing, dei suoi punti di forza e dei concetti chiave che lo contraddistinguono, per poi passare ad illustrare più specificamente gli strumenti di cui esso si com- pone, i soggetti che tale operazione vede coinvolti, i rischi che ne derivano, l’iter da seguire per portare a compimento il progetto, nonché gli strumenti di cui esso dispone e la descrizione della struttura di cui si compone. La prima parte dell’elaborato cerca, inoltre, di illustrare la Finanza di Proget- to nel suo aspetto più tecnico, lasciando alla seconda parte il compito di illu- strare l’applicazione pratica tramite l’analisi dei dati numerici e il supporto dei grafici. In aggiunta, si cercherà di ragionare sugli aspetti che hanno limitato o che limitano tuttora l’utilizzo dell’istituto in esame e su quali vantaggi esso può apportare a nazioni con caratteristiche proprie di quella italiana.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Lorenzo Castriotta Contatta »

Composta da 64 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3911 click dal 05/09/2006.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.