Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La politica dell'accoglienza: un valore aggiunto nel turismo

Saper accogliere il turista è il principale skill dell'operatore e la caratteristica più importante di una destinazione. Ma la disponibilità ad accogliere gli ospiti non può essere vista come un'attitudine spontanea e una politica dell'accoglienza non si improvvisa dall'oggi al domani. Occorrono strumenti idonei, azioni mirate, consapevolezza diffusa, formazione e professionalità.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 INTRODUZIONE Nonostante il termine accoglienza sia piuttosto antico, rimane un concetto estremamente moderno e versatile assumendo oggi, oltre le classiche interpretazione di ricevimento ed ospitalità verso qualcuno, connotazioni antropologiche e sociologiche del tutto innovative; il termine esprime infatti nel contempo significati che rimandano ad una visione dell’altro come un valore nobile, espressione di una storia personale ricca di conoscenze, potenzialità, cultura, competenze. “Accogliere” significa innanzi tutto avere nella propria mente un vero e proprio ambito consacrato all’altro, significa prestare attenzione ai suoi bisogni ed interessi, attraverso lo sviluppo di atteggiamenti di apertura, ascolto, reciprocità, convivialità e solidarietà. È importante ricevere l’altro con cordiale e sincera empatia e gentilezza, cercando di trasmettere tutto il calore umano di cui si è capaci; per questo chi nel settore turistico opera nell’accoglienza, deve possedere competenze professionali adeguate che gli permettano di gestire un processo ad alto contenuto simbolico come questo.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marina Farina Contatta »

Composta da 99 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3782 click dal 08/09/2006.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.