Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

The New Basel Capital Accord: analisi di un campione di aziende

La tesi è suddivisibile in due parti: la prima tratta di Basilea 2 in generale, fornendo le basi per un avvicinamento alla nuova disciplina; la seconda riporta invece i risultati di una ricerca condotta sul campo avente ad oggeto imprese di media dimensione risiedente nei territori piemontesi e valdostano.

Mostra/Nascondi contenuto.
The New Basel Capital Accord: analisi di un campione di aziende – Carraro Roberto 8 1.0. Premessa Il nuovo accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali delle banche, meglio noto come Basilea 2, è al centro di un ampio dibattito che coinvolge banche, imprese, autorità di vigilanza e numerosi altri esponenti del sistema economico e finanziario (pubbliche istituzioni, associazioni di categoria, consorzi di garanzia, etc.) sin dalla data della pubblicazione del primo documento di consultazione dal titolo “A New Capital Adequacy Framework”, avvenuta nel giugno del 1999. In estrema sintesi Basilea 2 è quindi il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali delle banche. In base ad esso le banche dei paesi aderenti dovranno accantonare quote di capitale proporzionali al rischio derivante dai vari rapporti di credito assunti, valutato attraverso lo strumento del rating. A rischi maggiori corrisponderanno accantonamenti più elevati e quindi maggiori costi per la banca. Le banche dovranno classificare i propri clienti in base alla loro rischiosità, attraverso procedure di rating sempre più sofisticate. Nel riaffermare le esigenze del sistema bancario e finanziario di una maggiore stabilità ed efficienza, le innovazioni proposte da tale Accordo, reso pubblico nel giugno del 2004 con il documento intitolato “Internazional Convergence of Capital Measurement and Capital Standards. A revised Framework”, comporteranno (o meglio, stanno già cominciando a comportare..) significativi mutamenti nella struttura organizzativa delle banche, nei loro rapporti con i clienti e con le autorità di vigilanza. In particolare, gli aspetti di analisi di maggiore significato si concentrano sui potenziali cambiamenti che dovrebbero interessare il rapporto banca-impresa, cercando innanzitutto di comprendere se effettivamente le banche dovranno rispettare maggiori requisiti patrimoniali e, conseguentemente, se tale vincolo si tradurrà, nel rapporto con la clientela imprenditoriale, in un aggravio delle condizioni di finanziamento.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Roberto Carraro Contatta »

Composta da 263 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 830 click dal 13/09/2006.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.