Skip to content

La valutazione dell’impatto del Capitale Intellettuale sui Processi di Gestione della Conoscenza

Informazioni tesi

  Autore: Francesco De Santis
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria gestionale
  Relatore: Agostino La Bella
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 97

Oggi che la conoscenza è diventata la principale materia prima e il frutto principale dell’attività economica, l’intelligenza delle organizzazioni (cioè persone intelligenti che lavorano in modi intelligenti) è passata dal ruolo di comparsa a quello di protagonista. Per le persone che distribuiscono denaro alle aziende, ossia gli investitori, e le persone che lo distribuiscono all’interno delle aziende, cioè i manager, il capitale intellettuale è diventato talmente essenziale che è lecito affermare che un’organizzazione che non gestisce sapere non sa badare ai propri affari.
C’è un solo problema: cercare di individuare e gestire un patrimonio fatto di conoscenze è un po’ come “tentare di pescare a mani nude”. Si può fare, ma l’oggetto dello sforzo è molto sfuggente. Prima che un’azienda possa utilizzare al meglio le sue idee, i suoi dirigenti devono capire come e perché il capitale intellettuale è rimasto fino a quel momento non gestito e rendersi conto del costo pauroso di questa negligenza: denaro sprecato e opportunità sperperate.
Il nostro lavoro inizia con l’analisi dei tre elementi costitutivi del capitale intellettuale, ossia il capitale umano, il capitale organizzativo e il capitale relazionale, discutendo successivamente le attuali metodologie di valutazione dello stesso.
Si è proseguito con un’accurata discussione sul problema della gestione della conoscenza e dei diversi processi ad essa relativi.
Abbiamo provveduto inoltre a studiare un probabile percorso di sviluppo e di valutazione del capitale intellettuale, attraverso l'individuazione di un set di sessanta indicatori, notando che non esiste ancora un unico metodo o indice di valutazione affermato ma ci si deve affidare ad un’analisi strutturata in base allo scopo della misurazione.
In conclusione è stato riportato un esempio dei possibili principi di gestione e interazione dei tre capitali e, al contempo, dei vari processi di gestione della conoscenza.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione ________________________________________________________________________________________ 1 INTRODUZIONE Nell'attuale contesto economico, caratterizzato da mercati maturi e fortemente competitivi, la capacità di generare idee innovative e di trasformare idee e concetti in modo rapido ed efficace assume e sta assumendo sempre più una rilevanza strategica e decisiva per la sopravvivenza delle imprese. Nella costante ricerca, non di teorie, ma di qualche buona ricetta per il successo nel business, appare, infatti, sempre più convincente l’idea che alla base di tutti i discorsi legati all’innovazione e alla tecnologia vi sia come comune denominatore la conoscenza. D’altro canto sono passati più di quattro secoli da quando Francis Bacon (insigne filosofo del XVI secolo, padre del metodo sperimentale e della logica induttiva) scrisse: “Scientia potestas est” cioè “La conoscenza è potere”. Era il 1597 ma questo aforisma è quanto mai valido oggi seppur con una particolarità: la conoscenza è sicuro vantaggio competitivo e quindi “potere” per l’azienda, solo se viene correttamente gestita. La conoscenza è informazione efficace, utile alla decisione; la sua qualità e tempestività catalizza l’azione, ne accelera le fasi e ne influenza gli esiti. In tal senso è un fattore strategico di successo e un asset per competere. Proviamo a quantificare il tempo prezioso dedicato da colleghi e collaboratori nella ricerca d’informazioni urgenti o di specifiche competenze, il tempo dedicato a mettere insieme dati frammentari o peggio ancora quello dedicato a re-iniziare progetti e attività, partendo da zero, su argomenti che l’azienda aveva già affrontato e risolto in passato ma della cui esperienza si era persa traccia. Risulta elevatissimo. Ne consegue che la capacità di un’impresa di estrarre e mettere a disposizione le proprie conoscenze, di riutilizzarle e rinnovarle è una delle principali chiavi di successo per il futuro. Quando il mercato azionario valuta le imprese tre, quattro o dieci volte più del valore contabile del loro patrimonio, afferma una verità semplice ma profonda: i valori fondamentali di un’azienda contribuiscono molto meno al valore del suo prodotto (o

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

capitale intellettuale
capitale umano
human resources
indicatori performance azienda
intangible assets
knowledge management
processi di gestione della conoscenza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi