Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I matrimoni misti fra cattolici e ortodossi

La tesi tratta la questione dei matrimoni misti fra persone di fede cattolica e persone di fede ortodossa.
Passa in rassegna gli elementi essenziali teologici, liturgici e giuridici del matrimonio nelle due confessioni cristiane. Quindi esamina la questione dei matrimoni misti nella storia e i documenti ecumenici recenti che aprono nuove prospettive al riguardo.
Ogni parte del testo è documentata con molte note di riferimento.

Mostra/Nascondi contenuto.
19 INTRODUZIONE Nel secondo racconto della creazione, dopo aver creato l'uomo, "il Signore Dio disse: non è bene che l'uomo sia solo, gli voglio fare un aiuto che gli sia simile ". (Gen 2,18). Questa nuova creazione è la donna: con essa si afferma la bipolarità dell'essere umano e la sua tendenza all'unità, il testo biblico prosegue affermando che "per questo l'uomo abbandonerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due saranno una sola carne" (Gen 2,24). Si comprende qui la complementarietà tra uomo e donna i quali, nella loro comune tendenza all'unità, sono entrambi potenzialmente capaci di esprimere il progetto originario di Dio. Il testo biblico ci suggerisce l'idea di reciprocità, poiché il singolo appare incompiuto finché non si ritrova e si realizza nell'altro e con l'altro. Questa comune vocazione suppone una pari dignità tra le persone, il loro reciproco bisogno esclude ogni forma di subordinazione e di disuguaglianza. 2 In quest'unità primordiale ha origine l'indissolubilità del matrimonio, poiché in essa è fondata e costituita la famiglia. Ad essa si richiama Gesù quando afferma che il permesso di ripudio dato da Mosé (Dt 24,1) fu motivato solo dalla durezza del cuore umano, ma all'inizio della creazione non fu così, pertanto "l'uomo dunque non separi ciò che Dio ha congiunto" (Mc 10,9). Nel suo potere di amare senza limiti, Gesù ripropone il vero significato delle parole della Genesi: in Lui l'uomo e la donna possono amarsi nel modo voluto da Dio; poiché in Cristo si è manifestata la

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Guido Lena Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3214 click dal 18/09/2006.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.