Skip to content

Il Nuovo Patto di Stabilità e Sviluppo

Informazioni tesi

  Autore: Davide Alezio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi dell'Insubria
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia delle istituzioni e dei mercati finanziari
  Relatore: Giancarlo Bertocco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 35

Proposte circa un cambiamento del ”Patto di Stabilità e Sviluppo”, una delle colonne portanti della struttura dell’Unione Economica e Monetaria (UEM), sono state avanzate non appena, come in molti avevano previsto, si sono presentati ostacoli al raggiungimento da parte degli stati membri dell’UEM degli “obiettivi di medio periodo”, che consistevano nel portare i singoli bilanci “vicino al pareggio o in surplus”; la condizione di partenza di numerosi stati membri e il sopraggiunto rallentamento ciclico della seconda metà del 2001, avevano inevitabilmente portato l’economia Europea ad una fase di stagnazione.
Il dibattito sulla possibile riforma della disciplina fiscale nell’area Euro è stato accelerato a partire dal 2002 sulla base delle difficoltà riscontrate da parte di alcuni stati membri, tra cui quelli considerati ”chiave”, ossia Germania, Francia e Italia, che generano di fatto tre quarti del Prodotto interno lordo dell’intera area Euro, nel gestire le politiche fiscali interne nel rispetto dei vincoli di base del Trattato sull’Ue e più in particolare del Patto.
Dopo complicate negoziazioni, durante le quali si è fatta soprattutto luce sull’opportunità di una radicale riforma o di un miglioramento interpretativo delle regole già esistenti, nel Luglio del 2005 si è avuta la nascita del “Nuovo Patto”, non senza incertezze sull’effettiva efficacia delle modifiche che sono state apportate allo scopo di trovare soluzioni idonee a superare quelle difficoltà che avevano portato al fallimento del Patto pre-riforma.
Questo lavoro tenta di fornire una descrizione della struttura del “nuovo Patto” e presenta una valutazione sull’effettiva qualità e dimensione dei cambiamenti apportati, sia dal punto di vista dell’applicabilità di una corretta disciplina finanziaria all’interno dell’area Euro, sia in ottica di raggiungimento della stabilità fiscale in un contesto nel quale ciascun paese membro resta il principale responsabile della propria politica fiscale a livello nazionale.
Nel primo capitolo viene descritto il contenuto del Patto “ante-riforma“ (par 1.1.), riportando in sintesi la risoluzione del Consiglio Europeo e i regolamenti Ecofin n°1466/97 e n°1466/97 che componevano il Patto “parte 1” (par. 1.2.).
Nel secondo paragrafo dello stesso capitolo sono riportati alcuni commenti riguardo la funzione che il Patto dovesse svolgere. Il terzo paragrafo presenta un’analisi degli sviluppi della politica fiscale, riguardante i singoli Paesi aderenti e a livello aggregato, nei primi anni dell’UEM che furono alla base della crisi del Patto originale (1.3.). Di seguito, vengono presentati i limiti del Patto “parte 1” e le cause che hanno portato alla sua modifica (par. 1.4.).
Nel secondo capitolo viene esaminato il contenuto del Patto “post-riforma” (par. 2.1.).Di seguito viene esposta una valutazione delle nuove regole fiscali apportate dalla riforma, in particolare quali potrebbero essere i miglioramenti e come dovrebbero manifestarsi a livello di politica fiscale (par. 2.2.). Il secondo paragrafo presenta alcune riflessioni sulla politica economica dell’UEM, confrontando il “nuovo” Patto di Stabilità e Sviluppo con il Trattato di Maastricht e il Patto “parte 1” (par. 2.3.). Infine sono riportate alcune argomentazioni critiche che tentano di evidenziare gli aspetti positivi e le eventuali carenze del “nuovo” Patto (par. 2.4.)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Proposte circa un cambiamento del ”Patto di Stabilità e Sviluppo”, una delle colonne portanti della struttura dell’Unione Economica e Monetaria (UEM), sono state avanzate non appena, come in molti avevano previsto, si sono presentati ostacoli al raggiungimento da parte degli stati membri dell’UEM degli “obiettivi di medio periodo”, che consistevano nel portare i singoli bilanci “vicino al pareggio o in surplus”; la condizione di partenza di numerosi stati membri e il sopraggiunto rallentamento ciclico della seconda metà del 2001, avevano inevitabilmente portato l’economia Europea ad una fase di stagnazione. Il dibattito sulla possibile riforma della disciplina fiscale nell’area Euro è stato accelerato a partire dal 2002 sulla base delle difficoltà riscontrate da parte di alcuni stati membri, tra cui quelli considerati ”chiave”, ossia Germania, Francia e Italia, che generano di fatto tre quarti del Prodotto interno lordo dell’intera area Euro, nel gestire le politiche fiscali interne nel rispetto dei vincoli di base del Trattato sull’Ue e più in particolare del Patto. Dopo complicate negoziazioni, durante le quali si è fatta soprattutto luce sull’opportunità di una radicale riforma o di un miglioramento interpretativo delle regole già esistenti, nel Luglio del 2005 si è avuta la nascita del “Nuovo Patto”, non senza incertezze sull’effettiva efficacia delle modifiche che sono state apportate allo scopo di trovare soluzioni idonee a superare quelle difficoltà che avevano portato al fallimento del Patto pre-riforma. Questo lavoro tenta di fornire una descrizione della struttura del “nuovo Patto” e presenta una valutazione sull’effettiva qualità e dimensione dei cambiamenti apportati, sia dal punto di vista dell’applicabilità di una corretta disciplina finanziaria all’interno dell’area Euro, sia in ottica di raggiungimento della stabilità fiscale in un contesto nel quale ciascun paese membro resta il principale responsabile della propria politica fiscale a livello nazionale. Nel primo capitolo viene descritto il contenuto del Patto “ante-riforma“ (par 1.1.), riportando in sintesi la risoluzione del Consiglio Europeo e i regolamenti Ecofin n°1466/97 e n°1466/97 che componevano il Patto “parte 1” (par. 1.2.).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

patto di stabilità e sviluppo
politica fiscale uem
politica monetaria uem
uem

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi