Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I sistemi multimediali nell'educazione ambientale ed esemplificazione di un prototipo in realtà virtuale

Il processo noto come globalizzazione che sta portando a compimento quell’ideale del villaggio globale, teorizzato da Marshall McLuhan e fatto proprio da un numero sempre crescente di sostenitori, con l’annullamento della dimensione spaziale e la possibilità di condividere la fruizione di risorse situate in varie parti del globo, non può non avere ripercussioni anche nel campo dell’educazione in senso generale e della sua applicazione nelle Scienze Naturali e Ambientali in senso stretto. Questi ambiti della conoscenza più di altri, grazie alla loro stretta interdisciplinarità, si prestano all’utilizzo delle nuove tecnologie telematiche. Infatti, Internet e la multimedialità ormai coinvolgono l’uomo in tutte le sue attività e si prevede un loro utilizzo ancora più capillare nei prossimi anni.
Tutto ciò porta ad una riflessione e cioè, qual è lo stato dell’arte nell’educazione ambientale? Essa sfrutta tutte le possibilità tecnologiche attuali? In un mondo in cui emergono sempre più l’intelligenza collettiva, l’apprendimento collaborativo e la realtà virtuale, come s’inquadrano le strutture deputate alla divulgazione del Sapere?
Questo studio, oltre a cercare risposte a tali domande e a fotografare i mezzi, le tecniche, lo stato delle tecnologie telematiche e le loro applicazioni sullo studio della vita e dell'ambiente, vuole essere anche concretamente propositivo, con la creazione di un prototipo di visita virtuale, creato con la tecnologia VRML, estremamente schematico e leggero, appunto per non appesantire la visita agli utenti che si collegano ad Internet. Esso include informazioni ed immagini sulle varie branche della conoscenza (storia, geografia, fauna, flora, ecc.) di una realtà ambientale a noi vicina geograficamente, come l'Isola Lachea.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 PREMESSA Il processo noto come globalizzazione che sta portando a compimento quell’ideale del villaggio globale, teorizzato da Marshall McLuhan e fatto proprio da un numero sempre crescente di sostenitori, con l’annullamento della dimensione spaziale e la possibilità di condividere la fruizione di risorse situate in varie parti del globo, non può non avere ripercussioni anche nel campo dell’educazione in senso generale e della sua applicazione nelle Scienze Naturali e Ambientali in senso stretto. Questi ambiti della conoscenza più di altri, grazie alla loro stretta interdisciplinarità, si prestano all’utilizzo delle nuove tecnologie telematiche. Infatti, Internet e la multimedialità ormai coinvolgono l’uomo in tutte le sue attività e si prevede un loro utilizzo ancora più capillare nei prossimi anni. Tutto ciò porta ad una riflessione e cioè, qual è lo stato dell’arte nell’educazione ambientale? Essa sfrutta tutte le possibilità tecnologiche attuali? In un mondo in cui emergono sempre più l’intelligenza collettiva, l’apprendimento collaborativo e la realtà virtuale, come s’inquadrano le strutture deputate alla divulgazione del Sapere? Questo studio, oltre a cercare risposte a tali domande e a fotografare i mezzi, le tecniche, lo stato delle tecnologie telematiche e le loro applicazioni sullo studio della vita e dell'ambiente, vuole essere anche concretamente propositivo, con la creazione di un prototipo di visita virtuale, creato con la tecnologia VRML, estremamente schematico e leggero, appunto per non appesantire la visita agli utenti che si collegano ad Internet.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Angela Guglielmino Contatta »

Composta da 130 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2423 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.