Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L' adempimento del terzo, ricostruzione dottrinale della fattispecie

Si tratta di una tesi che prende come riferimento l'argomento dell'adempimento del terzo, (ART.1180 C.C.), con brevi rinvii alla materia dell'adempimento in generale e una parte iniziale , di carattere storico, sull'argomento dell'adempimento. Infine è stato doveroso un rinvio al pagamento con surrogazione , che bene si legava al tema principale.
Dal titolo si evince chiaramente che si tratta di una ricostruzione dottrinale, per cui non sono riportati esiti o rinvii a sentenze emesse sull'argomento.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 CAPITOLO 1 CENNI SULLA STORIA DELL'ADEMPIMENTO IN GENERALE L'adempimento nel diritto romano arcaico era un atto solenne;, infatti, nell'antico diritto l'adempimento non era il modo normale di estinzione del rapporto obbligatorio. All’epoca l'obbligazione si faceva consistere nel vincolo, cioè nell'asservimento effettivo o potenziale di una persona (obbligatio) nei confronti di un’altra (creditore): il vincolo cessava solo quando si era compiuto un atto formale che lo sciogliesse, la cosiddetta solutio. Una persona si asserviva ad un'altra per assicurare, per garantire, all’altra un certo bene, al quale questa aveva diritto. Sappiamo anche che la somma poteva essere pagata da persona diversa dall'obbligato, asservendosi frequentemente quest’ultimo per un debito di un terzo. Il pagamento, di per sé, era soddisfacimento del credito, ma non si scioglieva il vincolo obbligatorio; per porre fine al rapporto obbligatorio occorreva un apposito atto formale di scioglimento, detto poi solutio per aes et libram. Tale atto si richiamava, a sua volta, ad un'epoca ancora più arcaica in cui, non essendosi ancora introdotta

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Federico Bottazzoli Contatta »

Composta da 53 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1952 click dal 26/09/2006.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.