Skip to content

Nuovi ruoli e immagine nella comunicazione istituzionale dell'Aeronautica Militare

Informazioni tesi

  Autore: Claudio Manara
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Fabrizio Battistelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 262

Dopo avere inquadrato l’attuale contesto storico sociale, sulla scorta degli assunti teorici della sociologia militare, la ricerca di tipo sperimentale, analizza i rapporti esistenti tra l’istituzione Difesa e l’opinione pubblica con una particolare attenzione all’Aeronautica Militare. Gli impegni, sempre più frequenti, nelle missioni di pace delle Forze Armate impongono una ridefinizione dell’immagine dell’organizzazione militare nel Paese. Abbandonata la fase di vigile ma sostanziale inattività della guerra fredda, il militare di oggi, è sotto la luce dei riflettori dei media in ruoli soprattutto di peacekeeper. Acquisito un ruolo di alta visibilità, il militare non può sottrarsi, come capitava spesso in passato, dal dialogo con il mondo civile. Anzi, in questo dialogo risiede lo spazio privilegiato per guadagnare il rispetto e il consenso dei cittadini.
Utilizzando due strumenti metodologici qualitativi, l’intervista strutturata e l’osservazione partecipante, ci si è concentrati da un lato sui militari addetti alla comunicazione istituzionale e dall’altro sul mondo del giornalismo, importante anello di mediazione tra istituzioni e cittadinanza. Tenendo presenti gli obiettivi differenti che guidano i due universi selezionati si è tracciata una mappa del divario che esiste tra media e Difesa, nel tentativo di far luce sul dibattito pubblico inerente la politica militare del Paese.
Tenendo presente il paradigma mertoniano, si sono utilizzati i poli opposti dell’innovazione e del ritualismo per intrepretare l’azione del singolo militare addetto alla comunicazione, che varia, lungo un continuum di comportamenti, dalla normale acquiescenza alle norme vigenti, e arriva alla iniziativa personale. Si propongono due schemi ideali, un sistema di comunicazione chiuso e uno aperto, sufficientemente inclusivi per inquadrare, in un modello plausibile, un settore variegato e sfaccettato come la comunicazione pubblica dei militari.
Nonostante i progressi evidenti, il militare deve rivitalizzare il settore della comunicazione pubblica, immettendo risorse e formazione, e riallacciare i rapporti con le istituzioni civili per accrescere la coscienza civica sui temi della sicurezza. L’Aeronautica Militare, per bilanciare il suo spiccato carattere ipertecnologico, deve riscoprire il suo lato soft, quello delle specialità meno conosciute, dal controllo del traffico aereo alla costruzione di aeroporti nelle aree di crisi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
9 1. Introduzione 1.1 Il mondo militare nell’era post-bipolare Ai tempi in cui frequentavo a Firenze il corso militare per Capitani dell’Aeronautica Militare, c’era un tormentone comune a tutte le tesine che noi frequentatori redigevamo individualmente. L’inevitabile frase di apertura “dopo il crollo del muro di Berlino…” suscitava molte ilarità perché era l’incipit di un ragionamento che introduceva a considerazioni più o meno simili a quelle dei vari osservatori ed esperti di geopolitica. Le riflessioni sul definitivo accantonamento della contrapposizione bipolare della guerra fredda saturavano le previsioni politiche di ogni genere. Dalle teorie “endiste” iniziate con Fukuyama alla teoria dello “scontro di civiltà di Huntington” l’ampio spettro dei ragionamenti indicavano la fine di un’epoca che costringeva ad un ripensamento sul ruolo del militare e sulle prospettive della pace. Oggi, dopo quindici anni, una nuova frase sembra aver preso il posto di quell’incipit: “dopo l’undici settembre…” è l’esordio di molti studi e riflessioni di politica internazionale. Gli studi sul militare succedutisi al crollo dell’Unione Sovietica sono stati addirittura superati dagli eventi e quella che sembrava un’epoca di relativa tranquillità con conflitti di bassa intensità si sta rivelando sempre più difficile. Il mondo militare solleva un nuovo interesse perché l’identità degli attori che lo popolano è in trasformazione continua. L’annus mirabilis 1989 sembrava schiudersi a un’era di relativa calma per il mondo. Le previsioni di stabilità crescente per il panorama internazionale sarebbero state tradotte in progressive riduzioni delle spese dedicate agli armamenti e agli eserciti. Il militare, come attore sociale preposto alla funzione di “amministrazione della violenza” e della “forza legittima”, è stato snobbato dalla sociologia. La guerra fredda aveva relegato la sociologia militare ad un interesse di nicchia e gli studi più frequenti riguardavano la politica internazionale e la strategia. L’unica branca di interesse era l’organizzazione in quanto tale e le risorse ottimizzabili per incrementare l’operatività e la performance delle azioni belliche (Battistelli, Ammendola 1998c; pp. 385-394). Il militare viveva al riparo della caserma ed era un attore nascosto dalla società civile.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

addetti stampa
aeronautica militare
battistelli
camporini
comunicato stampa
comunicazione istituzionale
giornalismo e difesa
immagine forze armate
interforze
irrilevanza mediatica
lippman
maslow
mass-media
merton
moskos
opinione pubblica
organizzazione militare
osservazione partecipante
peace-keeping
politica militare
ricerca qualitativa
sicurezza
società civile
weber

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi