Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Approccio antropologico ad un progetto di sviluppo in Africa: la ''Valorizzazione della Valle del fiume Senegal''

Oggetto di questa tesi è il progetto di valorizzazione della Valle del fiume Senegal, e in particolare l’impatto che questo ha avuto sulla popolazione locale. L’interesse che ha ispirato questa ricerca è stato quello di indagare e valutare, seguendo un approccio antropologico, le conseguenze di un intervento non autocentrato e delegittimato alla base, fondato sull’importazione di tecnologie e capitali dall’estero, senza un’attenta analisi del contesto di riferimento.
L'etnia Haalpulaar è stata coinvolta in un programma di ristrutturazione dell’area incentrato sulla gestione razionale delle acque del fiume. Si è trattato di un piano di sviluppo integrato, perché promosso e condotto da un’organizzazione, l’OMVS, formata da Senegal, Mali e Mauritania, i tre Paesi solcati dalle acque del fiume. Con l’appoggio finanziario e tecnico di organismi e attori internazionali, la Valle ha intrapreso un percorso di crescita in linea con il modello occidentale, apparentemente vincente su tutti i fronti e per questo ritenuto universalizzabile.
Agricoltura irrigua, moderna e meccanizzata, ed energia idroelettrica sono i due elementi di innovazione, motori di uno sviluppo indotto dall’esterno e monitorato da soggetti estranei al contesto socio-economico haalpulaar. Considerati strumenti ideali e imprescindibili per favorire un reale miglioramento delle condizioni di vita dei villaggi rurali, sono stati introdotti attraverso la realizzazione di due imponenti dighe, Diama e Manantali.
La valorisation del Senegal – come viene comunemente chiamata – si inserisce in un momento storico dominato da un approccio evoluzionista, riduzionista ed unilineare dello sviluppo, oggi peraltro ampiamente superato e spogliato dell’etnocentrismo che lo caratterizzava. Ciò ha implicato, di fatto, considerare quei Paesi “arretrati” rispetto al livello occidentale come manchevoli di qualcosa. L’unico rimedio possibile a questo ritardo non poteva che essere allora l’acquisizione di quegli elementi ritenuti indispensabili alla crescita. Investimenti e aiuti stranieri, sostegno finanziario e tecnico all’agricoltura e generalizzazione delle pratiche occidentali sono stati gli strumenti privilegiati della ristrutturazione nella regione.
La tesi che qui si cerca di dimostrare è che un investimento massiccio in grandi opere, quali dighe e sistemi agricoli automatizzati, rischia di rivelarsi controproducente nel lungo periodo se non accompagnato da uno studio scrupoloso delle strutture socio-economiche elaborate localmente e degli equilibri sistemici esistenti, politico-culturali, ambientali e legati allo sfruttamento del territorio.
In seguito all’implementazione del programma, la Valle del Senegal ha subito delle profonde trasformazioni, osservabili a più livelli e imputabili alla scarsa attenzione riservata al contesto nel quale si è operato. L’esclusione della popolazione autoctona dal processo decisionale e dalle fasi esecutive del progetto ha poi sancito il fallimento totale del piano di sviluppo.
Qual era il legame tra l’organizzazione sociale e produttiva haalpulaar e il sistema ambientale prima della realizzazione delle dighe? In che modo l’interruzione della piena naturale del fiume provocata da Manantali ha inciso sulle pratiche locali? Come si sono inseriti i moderni schemi agricoli razionalizzanti in un sistema economico integrato e antichissimo quale quello della regione? Cos’è successo ad allevatori e pescatori, dediti ad attività secondarie ma assolutamente complementari rispetto all’agricoltura? E ancora: come si sono modificate le abitudini alimentari e come ne ha risentito la salute umana? In che maniera l’introduzione di strategie economiche innovative e lontane dalla dimensione micro della Valle ha inciso sulla struttura sociale, sui rapporti di potere e sulla mentalità locale? Come ha reagito la popolazione e quali effetti ha avuto il cambiamento sulle strategie di appropriazione che questa adoperava tradizionalmente?
Si cercherà di trovare una risposta esauriente a tutti questi interrogativi, sia attraverso elementi oggettivi sia grazie al vissuto della popolazione rurale.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE Oggetto di questa tesi è il progetto di valorizzazione della Valle del fiume Senegal, e in particolare l’impatto che questo ha avuto sulla popolazione locale. L’interesse che ha ispirato questa ricerca è stato quello di indagare e valutare, seguendo un approccio antropologico, le conseguenze di un intervento non autocentrato e delegittimato alla base, fondato sull’importazione di tecnologie e capitali dall’estero, senza un’attenta analisi del contesto di riferimento. Gli Haalpulaar, questo il nome dell’etnia numericamente maggiore della regione, a partire dagli anni Settanta sono stati coinvolti in un programma di ristrutturazione dell’area incentrato sulla gestione razionale delle acque del fiume. Si è trattato di un piano di sviluppo integrato, perché promosso e condotto da un’organizzazione, l’OMVS,

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Miriam Carraretto Contatta »

Composta da 224 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1757 click dal 03/10/2006.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.