Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il contratto di appalto

L’appalto rappresenta il prototipo della categoria dei contratti d’esecuzione di opere e servizi ed opera in settori dove non si hanno prodotti in serie, ma dove il cliente ha esigenza di raggiungere uno specifico risultato, operando su commissione con l’imprenditore stesso.
Per l’art. 1655 l’appalto è il contratto con il quale una parte assume, con organizzazione dei mezzi necessari e con gestione a proprio rischio, il compimento di un’opera o di un servizio dietro corrispettivo in denaro.
Da tale definizione si evince che gli elementi caratterizzanti dell’appalto sono la prestazione dell’appaltatore (che si concretizza nel compimento di un’opera o un servizio mediante un’organizzazione d’impresa), l’organizzazione di mezzi e la gestione a proprio rischio (i quali denotano la necessità della qualifica d’imprenditore dell’appaltatore, nonché l’inserimento di tale rapporto nell’impresa).

Mostra/Nascondi contenuto.
NATURA DELL’ APPALTO_______________________________ ________________________________________________________________________________ IL CONTRATTO DI APPALTO 1 CAPITOLO 1 NATURA DELL’APPALTO 1.1 Profili Storici. Nel sistema del codice civile del 1865, inspirato dalla tradizione romanistica, il fenomeno dell’ appalto era inquadrato nello schema generale della locazione che comprendeva tre diversi contratti denominati rispettivamente locatio conductio rei (consistente nel cedere ad altri il temporaneo godimento di una cosa dietro il corrispettivo di una mercede), locatio conductio operarum( consistente nel mettere a disposizione di altri per un determinato periodo di tempo la propria attività lavorativa dietro il corrispettivo di una mercede) e la locatio conductio operis( avente ad oggetto la prestazione, dietro il corrispettivo di una mercede, dell’ attività complessiva diretta alla realizzazione di un certo risultato di lavoro), a seconda che oggetto del contratto fossero le cose, le energie di lavoro o un certo risultato lavorativo. Solo dopo il 1942, con il codice vigente, la figura dell’ appalto si è distaccata dal generale e unitario schema della locazione ove si trovava inserita e così dal frantumarsi delle varie categorie di “locazione di opere e d’ industria “ , previste dall’art. 1627 del codice civile abrogato, sono derivate varie figure contrattuali autonomamente disciplinate, quali: il contratto di lavoro subordinato ,il contratto di trasporto ,il contratto d’opera e il contratto d’appalto.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Alberto Ciccozzi Contatta »

Composta da 93 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 14171 click dal 04/10/2006.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.