Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ideazione e realizzazione del film ''Ossessione'' di Luchino Visconti

La tesi ricostruisce le travagliate vicende del making off di Ossessione, film decisamnete anticonformista, girato da Visconti durante gli ultimi singhiozzi del fascismo. Articoli di giornale, lettere private, interviste e raccolte di memorie sono state le fonti privilegiate per questa mia tesi decisamente ricca di aneddoti insoliti

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE In una sera del 1939 un gruppetto di persone, uomini, con lunghi cappotti, accompagna Jean Renoir al treno che lo riporterà in Francia: Massimo Mida riferisce che il regista leggeva “Le Monde” su una panchina e due o tre fascisti non furono d’accordo 1 . A portargli le valigie, un gruppo di intellettuali antifascisti, tra cui Mario Alicata, giornalista e letterato, attivo nel partito comunista clandestino, e Luchino Visconti, aiuto tuttofare di Renoir, aristocratico e pieno di idee; i due cominciarono a parlare e scoprirono di avere molto in comune. Siamo nel 1940, vacanze di Pasqua. Sul vaporetto di Capri la gente è in vacanza, nonostante tutto. Gianni Puccini ci racconta di due giovani che viaggiavano su questo vaporetto: «…uno sui trentaquattro l’altro sui ventitrè. Non si conoscevano ma fecero presto ad attaccare discorso durante la traversata, prestissimo a sentirsi congeniali e a diventare amici. Non parlarono solo di cinema, parlarono forse soprattutto della guerra e dell’ansia, ed era molto importante per tutt’e due parlarne e capirsi. […] Così si incontrarono Luchino Visconti e Giuseppe De Santis. Fu un incontro senza del quale non è pensabile la nascita di Ossessione» 2 . L’ideazione e realizzazione del primo film di Visconti in effetti dipende in larga misura dalla coincidenza, se non dal caso, che ha fatto incontrare le persone giuste in un momento sentito da tutte, in diversa maniera, come un momento di emergenza. Mario Alicata, Pietro Ingrao, Gianni Puccini e Giuseppe De Santis, tutte firme della rivista “Cinema”, erano impegnati già 1 M.Mida, Compagni di viaggio: colloqui con i maestri del cinema italiano, Nuova Eri Edizioni RAI, Torino 1988, p.32 2 G.Puccini, Il venticinque luglio del cinema italiano, Cinema Nuovo, II, n.24, I dicembre 1953, p. 340

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Ilaria Pesenti Contatta »

Composta da 86 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2332 click dal 06/10/2006.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.