Skip to content

Blade Runner e il postmoderno

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Filippini Lera
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Libera Univ. degli Studi Maria SS.Assunta-(LUMSA) di Roma
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Claudio Siniscalchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 97

Introduzione

Il lavoro qui proposto, ha come scopo quello di fornire un’ analisi di uno dei film di fantascienza che ha riscosso maggiore successo e fama nella cinematografia mondiale, Blade Runner; e cercare di mettere in luce, perché può essere definito un sorta di manifesto cinematografico della Postmodernità, movimento che come poi vedremo comincia ad interpretare la modernità come un qualcosa di ormai passato ed obsoleto.
Blade Runner, a buon titolo, può fregiarsi di essere diventato il cult movie per antonomasia del cinema contemporaneo.
La sua immensa fama, di cui gode ancora oggi, non giunse subito. Anzi alle sue prime apparizioni nelle sale cinematografiche nel 1982, il film sembrava destinato ad un successo piuttosto modesto.
Ma complice anche l’ influsso di un mercato europeo molto affascinato dal clima plumbeo e dall’ originalità del film, Blade Runner è diventato uno dei lungometraggi più apprezzati, studiati e che ottennero maggior successo nella storia del cinema. Un altro elemento che contribuì notevolmente a catalizzare gli interessi sul film fu la diffusione della televisione via cavo e del mercato del VHS, che permisero al pubblico di rivedere ed approfondire la loro conoscenza su Blade Runner; un’ opera che necessitava di maggiori approfondimenti per poter essere apprezzato in tutti i suoi molteplici aspetti.
Sicuramente non tutto il merito per la nuova attenzione che si dedicò a questo film può essere dato all’ home video e alla Tv via cavo. Infatti, mentre l’ interesse continuava a crescere in quei settori per tutti gli anni ottanta, cominciarono ad apparire articoli di elogio in periodici specializzati e molto influenti, come “Film Comment, American Film, Premiere e Sight and Sound”.
Il segno più evidente che Blade Runner era stato ormai apprezzato pienamente, si concretizzò nel 1991, quando la Bowling Green State University Popular Press pubblicò un intero libro dedicato al film. Intitolato Retrofitting Blade Runner: Issues in Ridley Scott’ s Blade Runner and Philip K. Dick’s “Do androids dream of electric Sheeps”?, questo ampio volume accademico, curato da Judith B. Kerman, prendeva in esame, una serie di influenze e testi che convergono nel film di Scott.
Un ulteriore conferma che Blade Runner aveva raggiunto una popolarità di livello mondiale, fu espressa dalla più sincera forma di adulazione che Hollywood potesse riservare ad un film: fu imitato da tutti. L’ ambientazione di Blade Runner cominciò ad essere rappresentata in moltissime serie televisive, video musicali e film. Per quanto riguarda la creazione vera e propria del film, fu molto travagliata.
Il progetto del lungometraggio aveva cominciato a circolare nel mondo cinematografico, molto tempo prima che fosse affidata a Ridley Scott e ad altri collaboratori.
Già nel 1970, Martin Scorsese, aveva tentato di ottenere un’ opzione sul romanzo di Philip K. Dick Do androids dream of electric sheep?, che era uscito solo due anni prima, ma non riuscì ad ottenerla.
Fu poi la Herb Jaff Associates a procurarsi i diritti, e a far scrivere a Robert Jaffe la prima deludente stesura del film.
Verso la fine degli anni ’70, cominciò a prendere forma la strada che avrebbe portato alla versione di Ridley Scott.
Fu Hampton Fancher, talentuso sceneggiatore, che ottenne preziosi elementi per dar vita al film, direttamente da Dick, che si mostrò molto interessato al lavoro cinematografico che si stava organizzando a partire dalla sua fatica letteraria.
Una volta aggiuntosi all’ impresa il produttore Michael Deeley, fu il turno del regista, e del cast.
La figura del detective privato inizialmente doveva essere affidata a Robert Mitchum, che cominciava però ad essere troppo vecchio per la parte, oltre che fuori luogo nel mondo post-industriale immaginato dai realizzatori.
Dunque la scelta cadde definitivamente su Harrison Ford. Per quanto riguarda la regia, fu affidata a Ridley Scott, che ebbe la meglio su un gran numero di registi tra i quali Adrian Lyne, Bruce Beresford e Michael Apted, e che aveva girato pochi anni prima un altro grande capolavoro fantascientifico, Alien (1979).
Blade Runner è diventato con il passare degli anni e nell’ immaginario collettivo, un film senza autore, uno di quei cult movies, che non hanno bisogno di un marchio, di identificarsi in un attore, nel regista, per essere vivi nel pensiero generale.
Blade runner si compone di valori plastici, fascino narrativo, estetica avanguardistica, ma non si può ricondurre alla mitopoiesi di un singolo realizzatore.
È un caso quasi unico di film senza autore, o se vogliamo pluriautoriale, che vale quasi esclusivamente per ciò che rappresenta ed ha rappresentato nell’ immaginario di ogni singolo spettatore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il lavoro qui proposto, ha come scopo quello di fornire un’ analisi di uno dei film di fantascienza che ha riscosso maggiore successo e fama nella cinematografia mondiale, Blade Runner; e cercare di mettere in luce perché può essere definito un sorta di manifesto cinematografico della Postmodernità, movimento che come poi vedremo comincia ad interpretare la modernità come un qualcosa di ormai passato ed obsoleto. Blade Runner, a buon titolo, può fregiarsi di essere diventato il cult movie per antonomasia del cinema contemporaneo. La sua immensa fama, di cui gode ancora oggi, non giunse subito. Anzi alle sue prime apparizioni nelle sale cinematografiche nel 1982, il film sembrava destinato ad un successo piuttosto modesto. Ma complice anche l’ influsso di un mercato europeo molto affascinato dal clima plumbeo e dall’ originalità del film, Blade 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi blade runner
postmodernità
postmoderno

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi