Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il turismo omosessuale: una nuova opportunità di sviluppo per il turismo italiano

All'interno della mia tesi faccio un escursus storico delle mete italiane che in passato sono state scelte da molti omosessuali come paradiso turistico. cerco anche di quantificare il fenomeno, mettendo a anche a paragone le città italiane con l'europa ed il resto del mondo.Infine vengono elencati i motivi per i quali sarebbe opportuna una strategia di sviluppo del turismo omosessuale

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La scelta di occuparmi di un target preciso come quello omosessuale e nello specifico della possibilità che le strutture ricettive orientino la propria offerta verso questo segmento nasce un po’ per caso. Durante la lettura di un libro che analizza i nuovi marketing, ho trovato un capitolo dedicato al marketing gay ed è stato facile constatare, nella sezione riservata al turismo, che si parla unicamente di viaggi organizzati per omosessuali e di tour operator specializzati nella creazioni di questi pacchetti. La curiosità mi ha portata a chiedermi come mai le strutture alberghiere italiane non hanno ancora valutato l’eventualità di orientare la loro offerta verso questo segmento che sembra avere tutte le caratteristiche economiche per rivelarsi un ottimo investimento. Infatti, dati alla mano ci si rende conto dell’alto potenziale economico rappresentato dal mercato dei gay questo segmento e del forte ascendente che i essi hanno sulle mode, destinazioni turistiche comprese. La ricettività potrebbe forse tentare un passo verso l’abbattimento del più grosso tabù di ogni tempo, allineandosi a quanto sta già avvenendo nella pubblicità e nel marketing. L’idea di strutture alberghiere create per una clientela omosessuale, non va vista come una volontà di creare dei ghetti, ma piuttosto l’idea è quella di strutture aperte a tutti, ma esplicitamente definite “gay friendly” solo perché sia chiaro agli altri eventuali clienti che si tratta di ambienti tolleranti alla diversità sessuale e dove dunque non ci si deve scandalizzare per atteggiamenti “insoliti” di coloro che vi soggiornano. Le unioni civili tra omosessuali (di entrambi i sessi), negli ultimi tempi, hanno suscitato non poca tensione, per non parlare della possibilità per una

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Antonella Laera Contatta »

Composta da 35 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4874 click dal 11/10/2006.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.