Skip to content

La politica estera dei Governi Craxi

Informazioni tesi

  Autore: Giulio Francesco Virduci
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Internazionali e Diplomatiche
  Relatore: Maria Serena Piretti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 138

Il primo Governo a guida socialista della storia italiana, presieduto dal segretario del PSI Bettino Craxi, si insediò nell’agosto 1983, e rimase in carica, fatto salvo un “rimpasto” nell’agosto 1986, sino al marzo 1987. In questo periodo, segnato dalle tensioni portate dalla cosiddetta “seconda Guerra Fredda” e da varie altre “crisi locali”, un inedito attivismo nel quadro delle relazioni internazionali fece parlare di un nuovo “profilo emergente” della politica estera nazionale. La diplomazia italiana cercava il riscatto da un periodo (che attraversò la seconda metà degli anni Settanta) di “marginalizzazione” dai principali consessi internazionali: essa poteva ora agire in virtù di una “concordia” dei maggiori partiti sui temi di politica estera, ottenuta grazie ad un lento e graduale processo di “occidentalizzazione” del PCI, e grazie alla nuova importanza che alla posizione geopolitica della penisola fu attribuita in seguito alla decisione atlantica del dispiegamento degli “euromissili”.
Diversi sono gli attori, come in ogni regime democratico, importanti per definire le guidelines di politica estera. All’interno del Governo, sicuramente lo furono più di tutti il Presidente del Consiglio Craxi ed i titolari dei due dicasteri più influenti: il Ministro degli Esteri, Giulio Andreotti, ed il Ministro della Difesa, Giovanni Spadolini.
Nei diversi campi di azione i Governi Craxi si relazionarono in modo differente, ottenendo differenti risultati. Nel processo di costruzione dell’europa l’intransigenza, ovvero l’“euromassimalismo”, di Andreotti, talvolta bilanciato da una linea più “possibilista” di Craxi, guidò l’apporto italiano nelle istituzioni CEE. La convocazione di una Conferenza Intergovernativa, nonostante il rifiuto di un fronte contrario di “Paesi euroscettici” guidato da Margaret Thatcher, fu uno dei maggiori risultati conseguiti dal Governo, nonostante questo verrà fortemente ridimensionato con l’Atto Unico Europeo: trattato minimalista che deluse le aspettative degli “integrazionisti” italiani.
Nel campo delle relazioni transatlantiche l’approccio del Governo fu ottimo, in quanto una delle prime mosse dell’esecutivo a guida socialista fu quella di riconfermare la scelta del dispiegamento degli euromissili: questa fu una mossa riconducibile più alla strategia di politica interna, piuttosto che estera, di Craxi. Egli intendeva creare, dopo essersi assicurato la benevolenza di Washington, un cuneo tra PCI (il quale si oppose al dispiegamento dei missili) e la DC, assicurandosi come unico partner di Governo possibile per il partito di maggioranza relativa. Il tema dell’indipendenza dall’alleato americano, emerso solo in seguito ai fatti di Sigonella, non compromise i rapporti transatlantici: fu richiamato in prevalenza nei dibattiti di politica interna come risultato dell’operato del Governo, ma restò lontano dal costituire un vero e proprio “spartiacque” nella tradizione della politica estera nazionale.
Il Governo Craxi, grazie soprattutto alle iniziative del Ministro degli Esteri Andreotti, ben visto a Mosca, fu un tenace sostenitore del dialogo Usa-Urss, nonostante le rimostranze del Cremlino per la decisione degli “euromissili”. L’Ostpolitik del “tandem” Craxi-Andreotti si fondava, previo il riconoscimento dello “status quo” (dunque dell’esistenza di un blocco socialista) sulla ricerca di una qualche autonomia dei singoli interlocutori per aprire nuovi spazi di manovra: da ciò deriva l’interesse verso i Paesi dell’Europa Orientale. L’insediamento di Gorbaciov portò una ventata di ottimismo in Italia: sia presso l’opinione pubblica che presso la classe politica. Presto l’attivismo in questo particolare ambito dovette però essere accantonato: al riprendere dei negoziati agli alti livelli tra le due superpotenze, l’Italia, come anche gli altri attori secondari, non trovò altro ruolo se non quello di mero osservatore esterno.
La ricerca di un ruolo primario nello scenario del Mediterraneo era necessario per assurgere al rango di “Media Potenza” di carattere regionale. Roma insistette perché fosse riconosciuta l’importanza del “fianco Sud” presso le istituzioni NATO, ovvero l’area della sponda meridionale del Continente europeo, dove l’Italia avrebbe assunto una valenza primaria

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. Introduzione 1.1 Contesto politico interno Quando furono resi noti i risultati delle elezioni politiche del Giugno 1983 1 , non vi fu nulla che stupì gli osservatori più della flessione della Democrazia Cristiana, che ora toccava, con il 32,9% dei consensi, il suo minimo storico. Il PCI registrò una lieve flessione e vi fu un guadagno da parte dei missini e dei repubblicani di un qualche decimale di punto percentuale; e sarebbe rimasto un consulto elettorale del tutto “normale” per i vertici e i simpatizzanti del Partito Socialista (allorché il partito di Via del Corso conseguì un “normale” 11,4%) se non fosse che, resi di pubblico dominio i responsi delle urne, la Presidenza del Consiglio venisse offerta a Bettino Craxi, leader del Partito del garofano. Sicuramente han pagato di più i timori della stabilità di un governo pentapartitico che andava assumendo i tratti di un mosaico sempre più multicromatico, che una strategia politica del neo-eletto Presidente del Consiglio, per quanto non si possa prescindere dai meriti che questi ebbe nell’«attendere il suo momento» 2 una volta rotta in Italia la continuità dei governi a guida democristiana ed il continuo rafforzarsi del polo laico- socialista 3 in seno allo spettro politico del Paese. L’ascesa di Craxi cominciò nel Luglio 1976, dopo che la riunione del comitato centrale del Partito Socialista tenutasi presso l’Hotel “Midas” di Roma lo consacrò Segretario. Erano tempi quelli in cui i quadri del garofano paventavano l’estinzione, indotti a temerla più a causa dell’ascesa del PCI che dall’esiguità di quel 9,6% dei suffragi avuti nelle elezioni politiche di giugno 4 : percentuale che simboleggiava l’incapacità dei quadri dirigenziali di ingrandire il bacino elettorale del partito. Spalleggiato da personaggi di rilievo come Giacomo Mancini, Enrico 1 I risultati delle elezioni per la Camera dei Deputati del 1983 sono i seguenti: la DC conseguì il 32,93%; il PCI 29,89%; il PSI 11,44%; il MSI-DN 6,81%; il PRI 5,08%, il PSDI 4,09%; il PLI 2,89%; il Partito Radicale 2,19%; Democrazia Proletaria 1,47%; altri il 3,21%. I risultati sono consultabili su it.wikipedia.org 2 Ciofi P., Ottaviano F., Il fattore Craxi: dalla prima elezione a segretario agli anni di Cossiga, Datanews, Roma, 1992, pag. 63 3 Cfr. Ciuffoletti Z., Degl’innocenti M., Sabbatucci G., Storia del PSI vol. III. Dal dopoguerra ad oggi, Laterza, Roma-Bari, 1993, pag. 452 4 Cfr. Colarizi S., Gervasoni M., La cruna dell'ago. Craxi, il partito socialista e la crisi della Repubblica, Laterza, Roma-Bari, 2005, pag. 18

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

achille lauro
andreotti
craxi
democrazia cristiana
euromissili
fai
gorbaciov
psi
sigonella
spadolini

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi