Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La formazione esperienziale a sostegno del cambiamento organizzativo-il caso Elsag

Il presente lavoro,dal titolo "La formazione esperienziale a sostegno del cambiamento organizzativo-il caso Elsag" nasce dall'esigenza di studiare le modalità utilizzate per costruire un corso esperienziale che voglia sostenere gli individui nell'affrontare un cambiamento organizzativo. Il lavoro si è fondato sul presupposto che un corso basato sulla didattica attiva sia in grado di fornire ai partecipanti strumenti utili a fronteggiare un mutamento all'interno dell'organizzazione.La trattazione si suddivide in due parti. Nella prima sezione,quella teorica,si sono delineati i tratti dei due argomenti principali di questo lavoro: il cambiamento organizzativo e la formazione esperienziale. Lo studio della letteratura di riferimento ha permesso di sintetizzare le definizioni che del primo fenomeno hanno dato alcuni eminenti studiosi; si sono classificate, inoltre,le varie tipologie di cambiamento che un'organizzazione può vivere. In seguito si è tracciato un excursus storico delle teorie relative alla formazione esperienziale soffermando l'attenzione su metodologie come l'action learning, l'action research e sugli odierni utilizzi dell'outdoor training, considerato la più alta espressione dei metodi formativi esperienziali. Accanto alla didattica esperienziale, per così dire storica, hanno trovato spazio, nel presente lavoro, metodologie formative che utilizzano nei loro programmi il gioco, l'arte e la fruizione e realizzazione di materiale audiovisivo. Nella seconda parte della tesi si è sviluppata la ricerca su un corso di formazione esperienziale dedicato a manager e dipendenti della multinazionale Elsag specializzata nella produzione di sistemi per la sicurezza. Il corso, denominato Generation, era finalizzato a supportare gli individui al momento dell'ingresso in una nuova realtà organizzativa e, per raggiungere tale scopo, si proponeva di presentare il manager responsabile come il promotore del cambiamento in atto. I momenti formativi sono stati due; nel primo, Mapping, i manager sono stati istruiti su come essere parte attiva e propositiva della seconda fase, Virus, che doveva invece vedere la partecipazione congiunta di capo e collaboratori all'esperienza formativa. Dopo aver descritto nel dettaglio le attività del corso e aver definito sei ipotesi di ricerca ci si è soffermati ad indagare l'efficacia del progetto formativo attraverso la somministrazione di interviste ai partecipanti, ai trainer e all'addetta delle risorse umane di una divisione Elsag. Dalla ricerca effettuata sono emersi elementi di criticità come la scarsa attinenza delle attività del corso con la realtà aziendale e la pretesa di Generation di raggiungere traguardi troppo importanti (esaltare la coesione, motivare gli individui ad affrontare il nuovo...)in brevissimo tempo. Accanto a queste riflessioni critiche sono apparsi anche alcuni vantaggi concreti che il corso ha saputo offrire, come ad esempio, l'aumento negli individui, del senso di consapevolezza e responsabilità verso il cambiamento.

Mostra/Nascondi contenuto.
La formazione esperienziale a sostegno del cambiamento organizzativo - il caso Elsag 6 Introduzione Il presente lavoro ha come oggetto di indagine due momenti fondamentali della vita organizzativa: il cambiamento e la formazione. Spiegare in che modo questi due ambiti possano comunicare o sostenersi sarebbe stato impossibile; tante sono, infatti, le combinazioni di fattori che entrano in gioco in un’organizzazione quando questa attiva dei programmi formativi a sostegno del cambiamento. Lo scopo di questa ricerca è stato, invece, quello di gettare uno sguardo d’analisi su un’organizzazione che ha scelto una formazione di tipo non convenzionale, al fine di illustrare al personale coinvolto (di ogni ordine e grado), quali siano gli stati d’animo e gli atteggiamenti da adottare per affrontare al meglio un cambiamento organizzativo. Il cambiamento, in quest’ottica, diviene materia di studio e, soprattutto, oggetto principale di una serie di attività formative, che vanno dal gioco alla realizzazione di videoclip, passando attraverso la riflessione di fronte ad un dipinto. Il mio lavoro ha quindi voluto indagare il modo in cui gli individui possono imparare ad affrontare un cambiamen- to attraverso un’esperienza formativa che ha avuto, come

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Antonietta Marino Contatta »

Composta da 319 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4882 click dal 17/10/2006.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.