Skip to content

PCI e Televisione nel 1955

Informazioni tesi

  Autore: Claudia Tarantino
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Pietro Cavallo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 94

Questa tesi è il risultato di un breve ma intenso lavoro di ricerca che mi ha portato a scoprire, tra le pagine ormai ingiallite dell’Unità del 1955, notizie e curiosità sull’Italia che ha visto nascere la televisione.
E’ stato un vero e proprio viaggio a ritroso nel tempo quello che ho compiuto nei mesi di ottobre e novembre del 2004, recandomi quotidianamente alla Biblioteca Provinciale di Avellino e sfogliando, a volte per ore ed ore, le pagine di un quotidiano che, allora come oggi, dava voce al Partito Comunista Italiano ed esprimeva il suo punto di vista, tutt’altro che positivo, sul nuovo medium.
E’ stata una ricerca impegnativa, ma devo dire che si è rivelata sin dall’inizio anche molto piacevole, soprattutto perché mi ha fatto immaginare la nostra Penisola “in bianco e nero”, proprio come nelle prime immagini televisive, con i suoi umori e le sue storie, le sue crisi di governo e i suoi divertimenti. A volte la lettura degli articoli mi ha preso così tanto che, chiuso il raccoglitore, ho avuto difficoltà a tornare con la mente nel 2004: dal presidente Gronchi al presidente Ciampi; dal governo di Segni a quello di Berlusconi; da un Festival di Sanremo, quello del 1955, che vedeva come un’incombenza la teletrasmissione, perché bisognava controllare anche l’abbigliamento delle cantanti, affinché risultasse “decoroso”, al Festival di Sanremo, quello del 2004, che è stato organizzato esclusivamente in funzione della diretta televisiva…e della relativa audience. Quante cose sono cambiate in cinquant’anni o poco più, e quante di queste erano già state previste e preannunciate nel ’55!
Oggi sarebbe improponibile una vita senza televisione o, almeno, nessuno riuscirebbe ad immaginare la propria giornata senza il rituale appuntamento con il telegiornale dell’ora di pranzo, il telefilm preferito e lo zapping delle notti insonni. Eppure, per quanto strano possa apparire ad una generazione nata e cresciuta con la TV, c’è stato un tempo in cui la “scatola magica” non era presente in tutte le case e qualcuno pensava addirittura che si trattasse di un fenomeno passeggero, come la moda, che non avrebbe avuto alcun seguito.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Capitolo 1 TV e Radio (innovazioni tecniche) A differenza di ciò che è avvenuto nella storia della radio e del cinema, alle origini della televisione non c’è stato un solo “inventore”. Nel caso di Guglielmo Marconi e dei fratelli Lumière, l’esaltazione divistica della popolarità delle loro invenzioni aveva contribuito a dare un “volto umano” ad oggetti e procedimenti profondamente rivoluzionari, destinati a cambiare la vita quotidiana di milioni di persone. Alla televisione, invece, è mancato questo legame che avrebbe potuto unire, almeno alle origini, l’oggetto ad una storia lineare. A prevalere è stato piuttosto un insieme complesso di risorse disponibili, intuizioni, strutture, la cui confluenza pose le condizioni dell’affermarsi del nuovo medium. L’Europa è stata il teatro dei primi esperimenti di trasmissione televisiva: il Bbc Television Service inaugurò le prime trasmissioni pubbliche il 2 novembre 1936 mentre, nello stesso anno, i Giochi Olimpici furono trasmessi via etere in alcune città tedesche, dove i televisori installati nei luoghi pubblici radunarono circa 160.000 spettatori. Diversamente da quanto era accaduto con la radio nel Primo conflitto mondiale, l’esplosione della Seconda guerra mondiale produsse un rallentamento degli sviluppi necessari a permettere l’allargamento dell’uso della televisione. E questo perché, allo scoppiare del conflitto, la TV non era ancora sufficientemente avanzata dal punto di vista tecnico per poter essere utilizzata dai belligeranti e l’attenzione fu, dunque, rivolta altrove. Nel dopoguerra, tuttavia, furono gli Stati Uniti, meno indeboliti dal conflitto, a portarsi nel giro di pochi anni in testa alla diffusione della

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

1955
degoli
guala
l'unità
lascia o raddoppia?
mario riva
mike bongiorno
pci
scatola magica
televisione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi