Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Definizione dei criteri di calcolo delle pavimentazioni stradali flessibili

La tesi prende in esame le pavimentazioni stradali, partendo dalla definizione di sovrastruttura passando alle tipologie, alla classificazione e soprattutto al problema del dimensionamento delle pavimentazioni in conglomerato bituminoso. Vengono brevemente richiamati i metodi sperimentali di progetto e ci si sofferma sui metodi razionali, definendo il concetto di vita utile di una pavimentazione e analizzando le alterazioni dovute al traffico. Si adotta la teoria del multistrato elastico per schematizzare la pavimentazione ed infine viene proposta un'applicazione del metodo di progetto e di verifica delle alterazioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1.1 Generalità L’incessante sviluppo del trasporto stradale e il ruolo fondamentale assunto dalle infrastrutture nel progresso economico del territorio, hanno portato alla ribalta nel corso degli anni il problema di una corretta gestione del patrimonio. In questo contesto s’inserisce l’annosa questione del corretto dimensionamento delle pavimentazioni stradali, da sempre ritenuto indispensabile sia per gli oneri economici connessi alla realizzazione di centinaia di chilometri di strade, sia per i pericoli arrecati alla sicurezza degli utenti a causa di un’opera sottodimensionata. 1.2 Definizione e funzionalità del piano viabile La pavimentazione – o soprastruttura – stradale è quella parte della strada specificamente destinata a sopportare il transito dei veicoli, ovvero è la struttura piana sovrapposta al rilevato o al terreno di trincea direttamente soggetta alle azioni veicolari [1] . Le caratteristiche essenziali di una pavimentazione in relazione al traffico veicolare sono la regolarità e la scabrezza; la prima assicura un moto confortevole e privo di resistenze accidentali, la seconda fornisce la sicurezza connessa ad un elevato coefficiente d’aderenza fra pneumatico e strada. Allo stesso modo, le funzionalità che la suddetta struttura deve

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Giuliano Grilli Contatta »

Composta da 83 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6346 click dal 20/10/2006.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.