Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'invecchiamento della popolazione stima del costo dei ricoveri potenzialmente impropri caso studio azienda sanitaria ulss n.17

L’allungamento della vita media e il decremento della mortalità hanno portato ad un invecchiamento progressivo e costante della popolazione, ponendo in primo piano la necessità di affrontare la questione anziani in un’ottica nuova, adeguata alla complessità del fenomeno, che coinvolge problemi di ordine socio – assistenziale, sanitario, previdenziale e politico, focalizzando l’attenzione sulla necessità di ospedalizzazione e sulla spesa sanitaria nel prossimo decennio per evitare il collasso economico del sistema. Il caso studio effettuato ha come obiettivo quello di valutare e stimare la diminuzione dei costi ospedalieri ipotizzabile a seguito di una riduzione dei ricoveri potenzialmente impropri. Si sottolinea come il ricorso al ricovero in tali casi definito potenzialmente improprio sia prima di tutto un evento negativo per il paziente a cui si associano costi ospedalieri evitabili.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Negli ultimi decenni tutta l’attenzione e l’impegno dell’opinione pubblica e della classe politica sono state rivolte alle grandi trasformazioni economiche e sociali del Paese e alle vicende politiche che le hanno accompagnate. Si è trattato di trasformazioni rapide e profonde che hanno radicalmente modificato e in qualche caso sconvolto, l’intera struttura della società. Fino a pochissimi anni fa, invece, molta minore attenzione é stata data alla parallela, grande trasformazione demografica evidentemente e largamente interagente con quella socio-economica che ha alterato altrettanto profondamente, ma assai più “silenziosamente”, popolazione e società. L’allungamento della vita media e il decremento della mortalità hanno portato ad un invecchiamento progressivo e costante della popolazione, ponendo in primo piano la necessità di affrontare la questione anziani in un’ottica nuova, adeguata alla complessità del fenomeno, che coinvolge problemi di ordine socio – assistenziale, sanitario, previdenziale e politico. Tale complessità richiede per essere affrontata politiche sociali adeguate e disponibilità di risorse per potere offrire servizi socio-sanitari integrati in grado di rispondere ai bisogni di una popolazione caratterizzata da una elevata percentuale di componenti in età geriatrica. L’orientamento nell’affrontare questo problema è contenuto negli indirizzi dell’Organizzazione Mondiale della Sanità 1 (O.M.S.) pienamente recepiti nello specifico progetto obiettivo del Piano Sanitario Nazionale e nella relazione conclusiva della commissione parlamentare di inchiesta sulla dignità e condizione sociale dell’anziano. In generale il problema maggiore dell’invecchiamento riguarda la capacità da parte di ogni sistema nazionale e sub-nazionale di trovare efficaci e tempestivi adeguamenti della struttura sociale ed economica al crescere del peso assoluto e relativo della popolazione anziana , e in particolare di quella ultraottantenne, dei così detti “grandi vecchi”. Problema complesso in quanto le trasformazioni demografiche agiscono in modo lento e silenzioso ed è necessaria lungimiranza per saperlo individuare ed affrontare. 1 Health of the Elderly, Who tecnical report, Series 779 (1989)

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Massimo Savoia Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3376 click dal 24/10/2006.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.