Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comunicazione cellulare: l'SMS nella società dell'oralità secondaria

Scopo principale della mia tesi è descrivere lo Short Message in tutti i suoi aspetti e in particolare analizzare il rivoluzionario linguaggio che esso veicola ponendosi come codice comunicativo a tratti misti, uno stile ibrido tra scritto e parlato. In particolare ho analizzato le componenti linguistiche del messaggio di testo diventate parte di un gergo che, rompendo definitivamente gli schemi del passato, si evolve e si modifica giorno dopo giorno. Si tratta di una forma di comunicazione mediata che ha reso sempre più delocalizzate e asincrone quelle modalità comunicative interpersonali prima proprie quasi esclusivamente del parlato. Nel corso dell’analisi inserita nel più ampio contesto dell’Italiano contemporaneo, parlato e non, ho cercato di esaminare il linguaggio degli SMS in rapporto a quello contemporaneo prototipico utilizzato sia nella forma scritta che in quella orale. La mia attenzione si è soffermata sulle trasformazioni linguistiche che stanno avendo luogo sul nostro idioma nazionale anche a causa della sempre maggiore presenza della lingua inglese nei ‘nostrani’ messaggi di testo. Strumento fondamentale per la realizzazione di questo lavoro è stato il corpus di messaggi preso in esame che mi ha consentito di sviluppare riflessioni e valutazioni di vario genere nonché di dimostrare con esempi pratici ciò che è stato osservato nel corso di tale studio. Tale campione è composto da circa 300 messaggi di testo raccolti tra il febbraio 2002 e dicembre 2005 i cui emittenti sono essenzialmente conoscenti e amici aventi vari parametri anagrafici e di varia estrazione sociale. In linea di massima la fascia d’età coinvolta parte dai 20 fino ai 60 anni mentre le attività professionali svolte sono per lo più di tipo impiegatizio considerando che coloro che appartengono alla categoria più giovanile sono essenzialmente studenti.
Nel primo capitolo di questa tesi l’approfondimento s’incentra sulla definizione della comunicazione cellulare e delle sue caratteristiche viste come espressione della società contemporanea definita società della ‘oralità secondaria’. Tale modalità comunicativa, rappresentata come portatrice di nuovi valori di nuovi significati, da origine ad una rinnovata idea dello Spazio e del Tempo, ad un insolito modo di affermare la presenza di sé nella vita dell’altro e allo stesso tempo determina una rilevante evoluzione delle tradizionali forme linguistiche e comunicative.Il secondo capitolo parte con la descrizione del messaggio di testo inteso come canale di comunicazione che, rinnovando la scrittura dal suo interno la reintegra all’oralità. In tal modo l’SMS afferma la sua essenza mista ponendosi entro un continuum che presenta tratti dell’oralità e altri condivisi con la scrittura. L’analisi quindi procede sugli elementi che condizionano la forma e il tempo propri del messaggio inviato tramite cellulare la cui natura è vincolata al mezzo che lo produce. Tale sezione si conclude con l’osservazione della struttura dell’SMS e della dinamica dell’interazione da esso generata con uno sguardo sempre attento al più ampio contesto sociolinguistico. Oggetto del terzo capitolo è in maniera più specifica l’esplorazione dell’aspetto paralinguistico e cinesico dell’SMS funzionale a rafforzare la dimensione espressiva tipica del linguaggio orale e a evidenziare in maniera inequivocabile il genere ibrido di tale forma di comunicazione. Essa, arricchita di ideofoni e scritture fonetiche nonché di forme di resa alternativa degli aspetti extralinguistici, prosodici, paralinguistici e soprasegmentali in genere, nell’insufficienza della dicotomia tra scritto e parlato cerca di recuperare l’espressività della relazione faccia a faccia pur essendo privata dell’elemento fondamentale di essa: la presenza corporea.Il quarto capitolo focalizza la sua attenzione sull’esame specifico dei tratti distintivi della scrittura dei messaggi, delle varie tecniche di realizzazione del testo fino all’ osservazione degli elementi testuali e morfo-sintattici che emergono all’interno di esso. Tale indagine si configura sullo sfondo della relazione tra il linguaggio dell’SMS e i prototipi dello scritto e del parlato evidenziandone le significative affinità e differenze.
E'affrontata la dimensione plurilinguistica del messaggio di testo e stimata la rilevante presenza della lingua inglese nella comunicazione wireless rispetto alle altre lingue straniere. Partendo dalla considerazione di quella che è reputata la matrice del canale comunicativo degli Short Message, ovvero il linguaggio veicolato dal Personal Computer tramite l’uso della e-mail o delle chat-line, si giunge alla questione dei prestiti linguistici che ruotano essenzialmente intorno al mondo della telefonia cellulare.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione iii INTRODUZIONE Prima ancora e più che animale politico l’essere umano presenta una istintiva propensione alla socialità. La sua capacità di comunicare e interagire con altri suoi simili va ben oltre la semplice segnalazione del pericolo o la manifestazione di una avvenuta soddisfazione. Comunicare vuol dire trasmettere l’immateriale, l’invisibile pensiero che vive nella mente. Le forme della comunicazione mutano nel tempo e nello spazio ma si radicano tutte nella capacità di elaborare segni che stiano al posto delle cose e segni che indichino altri segni. Il linguaggio umano non è quindi solo denotativo ma è soprattutto significativo. Comunicare è un’attività che si serve di strumenti fisici in vista di uno scopo immateriale. Attraverso dei suoni o dei simboli grafici o mezzi concreti che supportano la comunicazione è il pensiero che transita; una mente individuale entra in contatto diretto con un’altra mente. A cambiare sono le modalità di questo passaggio ma non la sua natura.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Isabella Sparapano Contatta »

Composta da 245 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10133 click dal 27/10/2006.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.