Skip to content

Il disinquinamento delle interferenze fiscali nel bilancio di esercizio

Informazioni tesi

  Autore: Nicola Siviero
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Maurizio Interdonato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 163

Il presente elaborato analizza dettagliatamente tutte le questioni teoriche e pratiche connesse al disinquinamento fiscale.
Partendo da un'analisi storica si arriva all'attuale disciplina dell'art. 109, comma 4, lettera b) del TUIR.
Si analizzano con casi pratici tutte le fattispecie incluse nel novero dalla norma e quelle sulle quali la dottrina ancora si dabatte come le svalutazioni fiscali delle rimanenze ed il leasig finanziario.
La tesi argomenta poi i temi della fiscalità differita connessa, il disinquinamento pregresso, il vincolo patrimoniale per masse, la compilazione del quadro EC, ecc.
Il disposto normativo viene poi confrontato con le novità introdotte dal decreto Bersani e con il disegno di legge della finanziaria 2008 al fine di metterne in risalto le opportunità connesse.
Viene infine riportato un complesso caso pratico di una società di capitali che applica l'art. 109 c. 4, compilando il quadro EC per effettuare le deduzioni extracontabili, per il disinquinameneto pregresso, per i riallineamenti, anche in violazione del vincolo patrimoniale sulle riserve. Si possono così carpire appieno le criticità e le opportunità della norma.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Nei sistemi capitalistici avanzati, fondati sul credito e sulla fiducia collettiva, l’informazione e la comunicazione rivestono tutt’oggi un valore aggiunto che permette agli operatori di dominare l’incertezza intrinseca legata ai possibili e molteplici stati del mondo. Le scelte economiche, infatti, dominate dal positivo e inconsapevole egoismo smithiano, si fondano sull’informazione prospettica o, in altri termini, la trasparenza dell’informazione si correla positivamente allo sviluppo economico, agli investimenti e alla crescita. Dalla teoria dei mercati efficienti 1 , la massima efficienza paretiana possibile di un sistema ideale si crea allorquando le informazioni disponibili agli operatori interni (amministratori, soci di maggioranza) sono anche conosciute, senza discrepanze temporali, agli attori esterni o stakeholders (investitori di massa, associazioni sindacali, creditori ecc). Invero, in un simile sistema, la massima produzione di valore si accompagnerebbe a un’equilibrata ripartizione dello stesso in proporzione all’apporto dei fattori produttivi. Orbene, l’interesse primario del legislatore civilistico dovrebbe quindi essere quello di cercare di avvicinarsi a tale massimo equilibrio, un sistema di trasparenza, chiarezza, veridicità in grado di attenuare i fallimenti del mercato. Analogamente, anche il legislatore tributario dovrebbe ponderare il suo fine principale di massimizzare il gettito in funzione delle uscite pubbliche con l’obbiettivo parafiscale di creare trasparenza e sviluppo. Nel nostro caso si può con certezza affermare che il principio di disinquinamento fiscale risponda proprio a queste esigenze di informazione e trasparenza. Tali riflessioni sono ancor più rilevanti alla luce di una realtà appesantita dai recenti scandali finanziari che hanno peraltro minato la fiducia collettiva nei mercati. Per questi motivi, le imprese devono preoccuparsi dell’informazione offerta all’esterno, anche in relazione alle nuove regole di erogazione del credito, conosciute col nome dei “Basilea 2”. Per le società rileva come il principale depositario di quest’esigenza informativa sia proprio il bilancio d’esercizio, ossia quel prospetto che, attingendo da un’ordinata contabilità, deve rappresentare in maniera davvero veritiera e corretta la situazione economica e patrimoniale della società (art. 2423 c.c.). Ciò premesso, l’inquinamento fiscale del bilancio si verifica allorquando norme fiscali agevolative o forfetarie prevalgono su norme civilistiche e vengono appostate 1 EUGENE F. FAMA, Efficient capital markets, 1960.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bilancio di esercizio
disinquinamento fiscale
fiscale
fiscali
interferenze fiscali
tuir

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi