Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Commento a tribunale di Roma 30/01/2004 tutela dei consumatori e degli utenti e inibitoria alla diffusione di pubblicità ingannevole ai sensi della Legge 30 luglio 1998 N.281

Commento alla prima sentenza di un tribunale ordinario che riconosce il risarcimento pecuniario ad un consumatore e pronuncia inibitoria ad una società per pubblicità ingannevole.

Mostra/Nascondi contenuto.
TRIBUNALE DI ROMA 30/01/2004 “Con ricorso ex art. 669-bis e 700 c.p.c. la Federconsumatori, Federazione Nazionale di Consumatori e Utenti, l’Adusbef – Associazione per la difesa degli utenti dei servizi bancari e finanziari – e Bruni Fiorella aspongono tra l’altro: che la società H3G S.p.A. operante nel settore della videocomunicazione mobile lanciava, tramite una martellante campagna pubblicitaria, due nuovi servizi di videocomunicazione , denominati “Tua Ricaricabile” e “Tua Abbonamento”, di cui, unilateralmente, predisponeva le relative condizioni contrattuali; che nei telecomunicati in onda a far data dal 28.09.2003 sulle reti Mediaste Rai di H3G relativi ai due predetti una voce fuori campo dice: “La rivoluzione è cominciata. Nasce Tua Ricaricabile. Da oggi il videofonino non lo paghi più. Per sempre.”. “Tre videocomunicazione Mobile”; un super in apertura, a caratteri cubitali informa “La Rivoluzione è TUA” ed un super in chiusura, a caratteri cubitali informa “TUA Ricaricabile. Da oggi il videofonino non lo paghi più.”, mentre a caratteri illeggibili, anche per il tempo di permanenza sul video, veniva spiegato “con soli 30 euro di traffico e 60 minuti di chiamate ricevute mensili. Quota tantum per attivazione. Informati sul sito www.tre.it o nei negozi 3”; che dette modalità erano inoltre tutte rinvenibili nell’analoga pubblicità a stampa diffusa tra l’altro , sul quotidiano Il Messaggero in data 29 settembre 2003; che le condizioni di fruizione del servizio di cui ai menzionati comunicati pubblicitari non corrispondono al regime contrattuale effettivamente applicato al consumatore, quale risultava dalle condizioni contrattuali predisposte da H3G per i servizi in esame ed adottate da tutti i punti vendita dei suoi prodotti e servizi; che l’offerta pubblicizzata, non consentiva la possibilità di ricevere un videofonino senza pagare, come fanno vedere le comunicazioni pubblicitarie, espone invece, il 3

Laurea liv.I

Facoltà: Tecnica pubblicitaria

Autore: Ambra Fraschetti Contatta »

Composta da 33 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 500 click dal 11/07/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.