Skip to content

Convenience store & Transit store: i nuovi luoghi di acquisto per consumatori in movimento. Il caso Grandi Stazioni

Informazioni tesi

  Autore: Roberta Coricciati
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Michele Fioroni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 184

Stiamo oggi assistendo a un progressivo processo di devolution sociale che vede le istituzioni tradizionali, fondamento dell’evoluzione delle moderne società, sempre meno capaci di rappresentare i valori fondamentali dell’individuo.
In questo contesto, ecco sopraggiungere il mercato, nell’accezione più capitalistica del termine: “fortificare” i valori dell’individuo è forse la più grande sfida che le istituzioni economiche si trovano oggi ad affrontare.
In una società in cui stress e ansia dominano l’universo interiore dell’individuo, il mercato può contribuire ad aiutare alla “sopravvivenza psicologica” ed emotiva dell’uomo e sempre più gli individui tenderanno ad acquistare prodotti e servizi da organizzazioni che sono compatibili con il loro impianto valoriale e con quello delle “tribù” a cui appartengono .
In sostanza la forza e le potenzialità di un prodotto/servizio non sarebbe nel suo contenuto di “vendibilità”, ma nella sua capacità di creare un network di affinità, di feeling, di percezioni comuni fra i suoi acquirenti/fruitori di cui la “vendibilità” sarebbe solo una conseguenza della capacità di soddisfare questo bisogno latente.
Il consumo, quindi, che sfuma i suoi significati tangibili per divenire linguaggio e comunicazione; consumo con cui costantemente comunichiamo, tramite le nostre scelte, a noi stessi e agli altri.
Sovente alcune strutture commerciali, sono state definite dei “templi del consumo” avendo molto in comune con i centri religiosi delle culture tradizionali: come questi, infatti, sono destinati ad esaudire il bisogno popolare di essere in contatto con gli altri.
Se si parla poi di templi è obbligatorio fare riferimento alla religione. E la religione del settore è il libero servizio, che ha dato la stura fin dalla sua nascita a tutte le elaborazioni sui comportamenti d’acquisto e di consumo, sempre in evoluzione, dei clienti e sulle risposte date loro dai produttori e distributori.
Il corollario del libero servizio è apparso in sintonia con la maggiore autonomia e discrezionalità di un consumatore, tra l’altro, sempre più indaffarato nella gestione critica del tempo ventiquattrore.
Nella società post-moderna gli stili di vita sono cambiati incredibilmente e con essi i tempi a disposizione per fare la spesa.
Shopping con un’unica fermata e non solo, possibilmente vicino casa o vicino l’ufficio.
E’, in un certo senso, un ritorno all’essenzialità e alla semplicità dei consumi ed è proprio in questo scenario che ha preso sempre più piede un nuovo format distributivo, il convenience store, interpretazione in chiave moderna della bottega tradizionale, dove convenience non richiama la componente economica del termine, bensì la componente comfortable, di comodità: convenience store come negozio di comodità..
L’accelerazione degli stili di vita dei consumatori ha portato all’aumento della domanda del cd shopping d’occasione che ha causato un disordine nel tran-tran quotidiano.
Qualunque momento del giorno, della notte, della settimana o dell’anno è sempre un “buon” momento per acquistare e consumare, ed è proprio nella capacità delle persone di consumare in qualunque momento che consta il carattere spettacolare e incantatorio di tutto ciò, per lo meno dal punto di vista del consumatore .
Le strategie sono dettate sempre dal cliente, coerente con la sua linea di pensiero secondo cui:
sempre più si tenderà a fare shopping quando si è fuori, e sempre meno si andrà fuori per fare shopping .
Il consumatore privilegia sempre più dei punti-vendita, premiando l’accessibilità come possibilità di fare acquisti nei luoghi dove si trova, in base alle opportunità e alle occasioni che gli si presentano.
Nascono così i transit store, negozi situati lungo i percorsi quotidiani, lungo i tragitti del pendolarismo, i tracciati del nomadismo moderno, che riempiono i non-luoghi di contenuti commerciali. Sono, quindi, le stazioni ferroviarie, della metropolitana, gli aeroporti, i negozi delle stazioni di servizio, a divenire i nuovi luoghi del commercio.




CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione Hirschman ha teorizzato che esista una sorta di pendolarismo sociale tra l’anima privata e quella pubblica della società. La delusione gioca un ruolo centrale nel suo sistema. La delusione in un’area, quella pubblica o privata, genera interesse per l’attività che direttamente le si oppone. Stiamo oggi assistendo a un progressivo processo di devolution sociale che vede le istituzioni tradizionali, fondamento dell’evoluzione delle moderne società, sempre meno capaci di rappresentare i valori fondamentali dell’individuo. Cresce così il distacco dalla politica, e riprova ne è l’elevato tasso di astensionismo alle elezioni; la stessa Chiesa Cattolica si trova a dover fronteggiare una crescente riduzione del numero dei fedeli praticanti; la famiglia è entrata, ormai da anni, in una fase di profonda crisi e ne sono riprova l’alto numero dei casi di divorzio. Insomma, i punti di riferimento, i veri e propri “cardini sociali” che nel corso dei secoli l’uomo si è costruito, incominciano a vacillare 1 . Dallo sradicamento moderno e dal senso di vuoto, di non-appartenenza ne deriva, scaturisce un bisogno profondo di autenticità. In questo contesto, ecco sopraggiungere il mercato, nell’accezione più capitalistica del termine: “fortificare” i valori dell’individuo è forse la più grande sfida che le istituzioni economiche si trovano oggi ad affrontare. Si pensi, ad esempio, al fenomeno dei musei aziendali, sempre più vivo e presente sul nostro territorio. Un museo per emozionare, dunque, ma anche per comunicare condividendo con i suoi fruitori i valori e il patrimonio di un’azienda che in fondo vuole ancora far sognare. 1 Michele Fioroni, Lo Shopping dell’Esperienza, Morlacchi Editore 2005

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

24 hours society
autogrill
consumatore post-moderno
convenience food
convenience store
convergenza
grandi stazioni
ibridazione
implosione
libero servizio
marketing esperienziale
marketing tribale
multicanalità
on the move
one-stop serving
one-stop shopping
raccolte premi
transit store
user friendly

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi