Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Bioetica in psichiatria

Le problematiche in ambito psichiatrico in chiave bioetica

Mostra/Nascondi contenuto.
6 Facile omnes quom valemus recta consilia aegrotis damus (Terenzio) 1. Concetti psichiatrici fondamentali: normalità Preliminarmente, appare opportuno affrontare i concetti psichiatrici fondamentali. Cosa s’intende per “normalità” psichica? Con una tautologia, si può dire che è normale ciò che è conforme alla norma. Esistono tre tipi di norme: - Sociali. Si tratta di quelle regole non scritte, di quei valori ideali e convenzionali cui il comportamento dell’individuo deve adeguarsi. Questa prospettiva, basata su una differenza qualitativa tra normale e anormale, rischia di considerare un modello convenzionale come naturale. - Statistiche. La normalità di un fenomeno o di un comportamento è determinata della frequenza del suo verificarsi: in questo caso la quantità influisce direttamente sulla valutazione (normale/anormale) del comportamento. - Funzionale. Tutto ciò che è adeguato alla sua struttura ed alle sue finalità di funzionamento è normale. Tale prospettiva, poiché il modello di riferimento si modifica in relazione alle conoscenze possedute, è priva delle caratteristiche di oggettività necessarie per un’applicazione scientifica. Premesso ciò, appare più opportuno intendere la normalità non in base a parametri preconfezionati, bensì come una tensione dinamica e ideale al limite (normalità come tendenza).

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Luigi Leone Contatta »

Composta da 18 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3531 click dal 13/11/2006.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.