Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Influenze dell'ambiente di coltivazione sulle caratteristiche qualitative della semola ai fini della trasformazione

Durante le fasi di trasformazione del frumento duro che portano al prodotto finale, rappresentato dalla pasta e dal pane, avvengono diverse reazioni chimiche e cambiamenti chimico-fisici e reologico-funzionali a carico dei due principali componenti della semola e della pasta, glutine e amido. La qualità finale di un prodotto è comunque legata anche alle caratteristiche della materia prima, che dipendono dal genotipo utilizzato ma anche dall’ambiente in cui questo è coltivato per l’influenza in termini climatici e pedologici.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 1. IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE DEL GRANO DURO 1.1 Mondo La coltivazione di grano duro viene attuata principalmente in Europa, in Medio Oriente e nel Nord Africa. L’Unione Europea rappresenta poco più del 18% della produzione mondiale, seguiti da Canada, Siria, Turchia, USA, Tunisia e Marocco. Su queste cinque aree è distribuito complessivamente poco più del 63% della produzione mondiale. Il volume complessivo degli scambi mondiali di grano nella campagna 2005/06, non dovrebbe discostarsi di molto dal livello record raggiunto nel 2004/05 quando furono sfiorati i 113 milioni di tonnellate. Secondo le ultime valutazioni dell’USDA, il commercio internazionale di grano dovrebbe essere nel 2005/06 di poco inferiore ai 110 milioni di tonnellate. L’analisi degli scambi nel corso dell’ultimo trentennio, evidenzia una sostanziale stabilità, dopo il sensibile aumento registrato tra la fine degli anni settanta e l’inizio degli anni ottanta (Fig 1).

Tesi di Laurea

Facoltà: Agraria

Autore: Paolo Speranza Contatta »

Composta da 120 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 746 click dal 07/11/2006.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.