Skip to content

Circoncisione o mutilazione del corpo femminile? Analisi delle rappresentazioni del fenomeno in alcuni giornali italiani

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Pacella
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Pina Lalli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 206

La tesi affronta il delicato tema delle Mutilazioni Genitali Femminili (Mgf) inquadrandolo in una prospettiva socio-antropologica, per poi analizzarlo in relazione allo spazio e alla visibilità concessi dalla stampa italiana all’argomento, ed infine prendendo in esame le rappresentazioni sociali del fenomeno veicolate e create dai giornali considerati, i cosiddetti “frames” o cornici interpretative.
I rappresentanti dell’informazione scelti sono “Corriere della Sera”, “la Repubblica”, “La Stampa”, i cui articoli riguardo al tema Mgf sono stati rilevati a partire da gennaio 1998 fino a luglio 2005.
Gli articoli trovati e analizzati sono 95.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Il mio interesse all’argomento delle mutilazioni genitali femminili 1 nasce da una reazione emotiva forte, in cui i sentimenti suscitati dalla lettura di articoli o dall’ascolto e visione di notizie televisive variavano dallo sgomento e sconcerto, al disgusto, fino al senso di impotenza e rabbia e desiderio di giustizia. Un groviglio di sensazioni negative: allo sconcerto iniziale subentrava il disorientamento nell’apprendere che tale pratica coinvolgeva milioni di persone, e per ultimo rimaneva una smania di intervenire, vendicare, farla pagare a chi perpetrava una simile tortura. In definitiva un senso di inadeguatezza nell’affrontare razionalmente la questione, lo stesso che pare aver colto antropologhe come Ellen Gruenbaum, Michela Fusaschi, Christine J.Walley, che si sono occupate delle pratiche in questione, al momento della scoperta o della presa in considerazione di simili interventi sui corpi delle donne. Gruenbaum (2001, 15), ad esempio, che trascorse lunghi periodi di ricerca etnografica in Sudan a partire dal primo lungo soggiorno che va dal 1974 al 1977, fino ad altri più brevi nel 1989 e nel 1992, afferma di essere venuta a conoscenza di ciò che considerava un “horrendous secret” accidentalmente, conversando con la moglie di un insegnante dell’università di Khartoum dove lei stessa ed il marito insegnavano. Definisce tale scoperta come un’esperienza scioccante, così come Walley (1997, 147) nell’affrontare la sua ricerca sulle clitoridectomie eseguite dagli abitanti del villaggio di Kikhome in Kenya nel 1988, ammette il suo profondo turbamento, l’angoscia profonda che la pervade dopo aver assistito alla cerimonia pubblica di “circoncisione” di ragazzi e ragazze. Allo stesso modo Fusaschi (2003, 17) ha dichiarato il proprio imbarazzo e la difficoltà nell’affrontare l’argomento durante alcune lezioni di antropologia culturale indirizzate a mediatori interculturali in ambito sociosanitario, nel momento in cui si accorge che una delle studentesse aveva conosciuto in prima persona l’esperienza dell’operazione. Subito dopo quelle immediate, le loro reazioni sono state però occasione di riflessione e approfondimento, di ricerca sul campo, per arrivare ad una comprensione del fenomeno come presupposto per il suo superamento. Un andare oltre il turbamento emotivo, il normale disagio che l’argomento provoca, per chiedersi il perché, considerarne le cause in relazione ai diversi contesti socio culturali, 1 D’ora in avanti definite con l’acronimo Mgf.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi