Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I musei di archeologia subacquea in Italia. Analisi della situazione e prospettive

Analisi di tutti i musei italiani di archeologia subacquea e le prospettive che avranno in futuro..

Mostra/Nascondi contenuto.
0.INTRODUZIONE Le profondità marine hanno da sempre esercitato un grande fascino sull'uomo, che ha cercato di esplorarle, sia per il puro piacere di cimentare le possibilità del corpo umano di nuotare sott'acqua, sia per sfruttare i doni che il mare contiene, sia infine per riprendere al mare i carichi, o almeno gli oggetti più preziosi delle navi naufragate. Anche su di me hanno esercitato questo grande fascino, questo mi ha portato ad effettuare immersioni sportive per conoscere, esplorare e rispettare il mondo subacqueo . Io vivo sul Delta del Po, dove questo lungo corso d’acqua, ramificandosi, abbraccia e incontra il mare aperto, dove si sono formate diverse isole, dove vi sono lagune e valli, dove l’acqua è la risorsa primaria e lancia l’economia locale: l’acqua dà la possibilità di sviluppo al settore agricolo, l’acqua dà la possibilità di poter svolgere la pesca e indirettamente la caccia, dagli anni ’50 attraverso l’acqua si è sviluppato il turismo balneare. Per apprezzare questa vitale risorsa, la si deve prima conoscere attraverso la storia, questo lo si può fare con i musei d’archeologia subacquea. In nessun libro, manuale e sito internet ho mai trovato una raccolta completa e soddisfacente dei Musei del Mare, ho voluto fare uno studio approfondito in questo campo cercando di elencare e analizzare i Musei del Mare nella nostra Penisola.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Valentino Lazzarin Contatta »

Composta da 216 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3891 click dal 17/11/2006.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.