Skip to content

Adeguamento degli statuti delle società di capitali alla nuova riforma societaria

Informazioni tesi

  Autore: Giampiero Vianello
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Leonardo Prof. Di brina
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 215

Anche se dal titolo può sembrare un argomento ormai passato in rassegna, in realtà la situazione ad oggi è che molte società hanno ancora statuti vecchi e non adeguati alla nuova normativa, o comunque, che non hanno recepito le grandi possibilità di snellimento messe in pratica dalla riforma del diritto societario. La mia tesi punta proprio a far comprendere tali grandi cambiamenti introdotti ma non ancora ben metabolizzati dagli addetti ai lavori e dagli imprenditori, e offre spunti atti a creare uno statuto che possa rispecchiare al meglio le esigenze di snellezza e operative della società. Visto che la normativa lo prevede....perchè non sfruttare questa possibilità?

Il presente lavoro tratta del problema dell’adeguamento degli statuti delle società di capitali, in seguito alla novellata normativa introdotta dai D.Lgs. n. 5 e 6 del 17 gennaio 2003. Tale riforma è stata riconosciuta come una delle più importanti ed innovative dall’entrata in vigore del codice civile nel 1942. In effetti è stato modificato quasi per intero il libro V del codice civile con un intervento mirato e specifico, articolo per articolo. L’obiettivo primario della riforma è stato quello di snellire il sistema societario italiano e creare spazi più ampi di manovra per gli utenti, in modo da dare origine ad una struttura plasmata sulle mutate esigenze delle società moderne; di certo tutto ciò non sarebbe potuto bastare per cambiare un sistema così ben radicato ed è per questo che la riforma delle società si colloca all’interno di una più ampia manovra governativa – che racchiude una seria di riforme già cominciate ed in programma, come la riforma del lavoro, la riforma fiscale, ecc – atta a “svecchiare” tale sistema.
Di seguito si affronterà, dapprima, il problema degli adeguamenti degli statu-ti preesistenti la riforma, dando una visione globale di quelle che saranno le modificazioni che ogni società dovrà obbligatoriamente fare e quelle, invece, facoltative, per i quali non vi è obbligo di adattamento dello statuto, ma che risultano i più interessanti in quanto forniscono la possibilità di modellare la struttura societaria in modo più conforme alle esigenze della stessa. Nel capitolo successivo si entrerà più nello specifico analizzando singolarmente i più impor-tanti e controversi adeguamenti, in modo da individuare gli argomenti più interessanti che la riforma tratta.
Di seguito si affronterà, invece, la problematica della transazione da vecchia a nuova normativa. Chiaramente è impensabile introdurre nuove regole e pretendere che siano fin da subito applicate senza permettere di poter assimilare e capire i cambiamenti effettuati. Per tale motivo il legislatore ha previsto un periodo di vacatio legis di un anno circa – dal 17 gennaio 2003, al 1° gennaio 2004 – e lasciato ulteriore margine di tempo – dal 1° gennaio 2004 al 30 settem-bre 2004 – per dare la possibilità, ai professionisti e ai soci delle varie società di capitali, di studiare ulteriormente la novella e decidere come e quanto modificare lo statuto. A tale scopo è stata prevista anche una specifica normativa transitoria regolatrice che verrà, in seguito, spiegata ed analizzata individuando, altresì, le varie interpretazioni della dottrina e della giurisprudenza in materia.
Si andrà, infine, ad affrontare alcune problematiche tuttora aperte in materia di adeguamenti statutari. Si analizzeranno alcuni attuali casi di giurisprudenza nei quali sono state affrontate ed interpretate tali problematiche, iniziando, così, a segnare la strada verso un processo di metabolizzazione ed adeguamento al nuovo sistema societario italiano.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 IL PROBLEMA DELL’ADEGUAMENTO DEGLI STATUTI PREESISTENTI SOMMARIO: ; ; 1.1 PREMESSA 1.2 ATTO COSTITUTIVO E STATUTO NELLA DISCIPLINA DELLE SOCIETÀ DI CAPITALI 1.3 TIPI E MODALITÀ DI ADEGUAMENTO; 1.3.1 Adeguamenti a norme inderogabili; 1.3.2 Adeguamenti a norme derogabili. 1.1 PREMESSA Il presente lavoro tratta del problema dell’adeguamento degli statuti delle società di capitali, in seguito alla novellata normativa introdotta dai D.Lgs. n. 5 e 6 del 17 gennaio 2003. Tale riforma è stata riconosciuta come una delle più importanti ed innovative dall’entrata in vigore del codice civile nel 1942. In effetti è stato modificato quasi per intero il libro V del codice civile con un intervento mirato e specifico, articolo per articolo. L’obiettivo primario della riforma è stato quello di snellire il sistema societario italiano e creare spazi più ampi di manovra per gli utenti, in modo da dare origine ad una struttura plasmata sulle mutate esigenze delle società moderne; di certo tutto ciò non sarebbe potuto bastare per cambiare un sistema così ben radicato ed è per questo che la riforma delle società si colloca all’interno di una più ampia manovra governativa – che racchiude una seria di riforme già cominciate ed in programma, come la riforma del lavoro, la riforma fiscale, ecc – atta a “svecchiare” tale sistema. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adeguamenti
adeguamento
atto
capitali
commerciale
costitutivo
diritto
foscari
riforma
societ
societaria
societario
statuti
statuto
venezia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi