Skip to content

La figura dell'educatore in contesti di sofferenza

Informazioni tesi

  Autore: Luca Riva
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Renata Viganò
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 123

La tesi vuole essere un tentativo di indagare il porsi dell'educatore a confronto con la sofferenza del soggetto d'educazione. Il suo ruolo è individuato nell'aiuto alla faticosa costruzione di un senso per l'esperienza della malattia e del dolore.
Il primo capitolo, pertanto, tramite alcune suggestioni fornite dalla psicologia e dalla riflessione pedagogica, definisce il lavoro educativo tout court come co-costruzione di senso giocata tra educatore ed educando.
Il secondo capitolo ricostruisce alcune competenze fondamentali per sostenere questo compito in un ambito di "esistenza ferita" ed esamina la sindrome del burnout come ostacolo al suo svolgimento e forma di cura educativa inautentica.
Il terzo capitolo, infine, presenta un contributo empirico, costituito da interviste selezionate a educatori operanti nell'ambito della malattia psichica, al fine di stabilirne percezione del burnout, dello stress professionale e del ruolo della formazione nella prevenzione della sindrome.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4Introduzione La questione oggetto del presente lavoro è la funzione dell’educatore nei contesti di sofferenza, intendendo con questo termine quei servizi che si fanno carico della persona malata, non escluso il presidio ospedaliero. Le ragioni di tale scelta sono molteplici, in primo luogo l’interesse per la riflessione intorno al tema dei valori in rapporto alla sofferenza ai fini dell’elaborazione di un’antropologia pedagogica e di un rinnovamento della pratica educativa. La riflessione sull’homo patiens offre spunti per elaborare un’immagine dell’uomo e un’idea di educazione più compiute. In secondo luogo, la personale esperienza di malattia, vissuta in una struttura ospedaliera, ha sollecitato l’interrogativo circa il possibile ruolo dell’educatore in quel contesto. In esso, accanto agli indispensabili interventi terapeutici e riabilitativi, è possibile sperimentare l’esigenza di un accompagnamento quotidiano che aiuti non solo a guarire dalla malattia, ma soprattutto ad affrontarla, dandovi un senso. In ciò, è stato intravisto un possibile spazio di azione educativa, che una ricognizione della letteratura ha palesato poco frequentato dalla riflessione pedagogica e, pertanto, meritevole di un tentativo di esplorarne i confini e le peculiarità per giungere a giustificarne o no la plausibilità. In terzo luogo, sebbene mancante in ospedale, la presenza degli educatori è rilevante in altri contesti di sofferenza, a partire dalle strutture per i disabili fino a quelle per la salute mentale. La connotazione sanitaria di tali servizi appare prevalente agli utenti e agli stessi operatori; nonché, essa è designata tale dall’organizzazione che li gestisce, con il conseguente rischio che si perda la specificità dell’intervento educativo in tali strutture, omologato alla terapia o alla riabilitazione. Risulta la necessità di approfondire tale specificità affinché sia conservata nell’azione educativa. La delineazione del profilo specifico dell’educatore in contesti di sofferenza ha richiesto preliminarmente di porre in luce il proprium dell’azione educativa in generale. Esso è stato individuato, mediante contributi sia psicologici sia pedagogici, nella proposta di valori e significati da parte dell’educatore alla coscienza dell’educando, per poi affrontare la tematica specifica dell’azione educativa nei contesti suddetti, con particolare attenzione alla domanda circa la possibilità di un significato del dolore e della cura educativa del sofferente. Diversi contributi in letteratura hanno messo in evidenza alcuni significati del dolore, tra cui merita attenzione quello di maturazione personale, interpersonale e trascendente del soggetto. Alla luce di tale acquisizione, è stato possibile descrivere l’agire dell’educatore nei confronti dell’educando sofferente come cura educativa dell’esistenza ferita, volta ad avvalorare le sue capacità intenzionali e progettuali. Essa richiede all’educatore le competenze relazionali, nelle quali la cura degli altri è strettamente connessa con la cura di sé, intesa nei termini della conoscenza di sé e della disponibilità autoformativa. La presente indagine intende, entro tali coordinate concettuali, approfondire il fenomeno del burnout, caratteristico delle professioni d’aiuto e oggetto di diffusi studi e ricerche, in quanto forma inautentica di cura educativa. Il quadro sintomatologico della sindrome è letto come manifestazione di alienazione esistenziale, ossia del calo motivazionale dovuto alla perdita di significato del proprio lavoro e a un rapporto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi