Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nitro-IPA nei particolati atmosferici e di emissione: confronto dei diversi approcci di analisi chimica

La tesi, svolta presso l'Istituto sull'Inquinamento Atmosferico del CNR di Roma, ha riguardato il campionamento del particolato sospeso atmosferico, in particolare le frazioni PM10 e PM2.5, con successiva analisi qualitativa e quantitativa degli inquinanti su di esso adsorbiti. L'attenzione si è concentrata sui Nitro-IPA (estremamente mutageni) con analisi svolte utilizzando cromatografia liquida e gas. I detectors impiegati sono stati: FID, ECD, TCD, PID, MSD, UV-Visibile, Fluorescenza. Inoltre è stato sperimentato un metodo non presente in letteratura per la riduzione dei Nitro-IPA ad Ammino-IPA per eseguire le analisi in HPLC-Fluorescenza.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1.1 L’INQUINAMENTO ATMOSFERICO Tutti noi, quotidianamente, abbiamo a che fare con l’inquinamento ambientale e i suoi problemi. Uno dei settori più importanti, per l’estensione, l’intensità e le conseguenze, è quello atmosferico. Secondo il DPR 203/88, l’inquinamento atmosferico è “ogni modificazione della normale composizione o stato fisico dell'aria atmosferica, dovuta alla presenza nella stessa di una o più sostanze in quantità e con caratteristiche tali da alterare le normali condizioni ambientali e di salubrità dell'aria; da costituire pericolo ovvero pregiudizio diretto o indiretto per la salute dell'uomo; da compromettere le attività ricreative e gli altri usi legittimi dell'ambiente; alterare le risorse biologiche e gli ecosistemi ed i beni materiali pubblici e privati”. In altre parole, si è in presenza di inquinamento atmosferico quando la composizione naturale dell’aria (riportata in Tabella 1.1) è modificata dalla comparsa di sostanze estranee, ovvero dall’alterazione delle percentuali dei suoi elementi costitutivi. Tabella 1.1: Principali componenti dell’aria atmosferica COMPONENTE SIMBOLO CHIMICO CONCENTRAZIONE AZOTO N 2 78.08% OSSIGENO O 2 20.95% ARGON Ar 0.93% VAPORE ACQUEO H 2 O 0.33% ANIDRIDE CARBONICA CO 2 0.032% (320 ppm) NEON Ne 0.00181% (18 ppm) ELIO He 0.0005% (5 ppm) METANO CH 4 0.0002% (2 ppm) IDROGENO H 2 0.00005% (0.5 ppm) KRIPTON Kr 0.000011% (0.11 ppm) XENON Xe 0.000008% (0.08 ppm) OZONO O 3 0.000004% (0.04 ppm) POLVERI SOSPESE ≈ 5µg m -3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Graziano Nervegna Contatta »

Composta da 109 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1905 click dal 05/12/2006.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.