Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gheddafi e il mondo arabo. Decolonizzazione, nazionalismo arabo e nuovi equilibri internazionali nella seconda metà del secolo scorso.

Il sorgere del nazionalismo arabo nel quadro della decolonizzazione dell'area medio-orientale. Il ruolo della Libia ed il pensiero di Gheddafi.

Mostra/Nascondi contenuto.
I Introduzione Qualche mese prima di partire militare, nell’ormai lontano 1993, per mettere su qualche soldo che mi consentisse una parziale autonomia finanziaria durante l’anno che mi attendeva, ho lavorato come pizzaiolo nei pressi di Piazza Sempione. Il locale non era nulla di eccezionale, ma godendo di una posizione favorevole ed offrendo una decentissima pizza al taglio, era molto frequentato dai giovani della zona. Del resto era possibile comprare pizza e bibite, e consumarle comodamente seduti al piano superiore, dove una piccola stanzetta era stata a questo adibita. La pizzeria, ahimè, rimaneva aperta fino a notte tarda, in attesa dei clienti dei locali notturni del circondario. In quelle ore, la stanzetta al piano superiore, era affollatissima di persone delle più diverse nazionalità, provenienti in particolare dell’Est europeo e dall’Africa mediterranea. Evidentemente offriva loro non solo la possibilità di bere una birra e ripararsi dal freddo della notte, ma anche di incontrarsi e discutere dei problemi del giorno. A dire il vero, il proprietario della pizzeria non era molto contento di quella frequentazione. Gli extracomunitari, consumavano sì, ma la loro stessa presenza finiva per allontanare altri possibili avventori. Non di rado, tra il fumo delle sigarette, si assisteva infatti a piccole azzuffate alimentate probabilmente dall’uso eccessivo di alcool. Tra la comunità di colore, c’era una persona anziana, a cui tutti gli altri si rivolgevano con calma e rispetto. Beveva con moderazione ed aveva dei modi eleganti e leggeri. Allora io sapevo poco o nulla sulla realtà dell’Africa e sul fenomeno dell’immigrazione in genere, che di fatto proprio in quegli anni subiva una forte impennata. Tuttavia, una naturale curiosità mi spingeva verso quell’uomo anziano, il suo mondo, la sua vita, i motivi che l’avevano spinto in Italia. Una sera, mentre facevo pulizia nell’ora di chiusura, mi feci forza e decisi di conoscere quelle persone.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Claudio Orlandi Contatta »

Composta da 222 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3163 click dal 19/12/2006.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.