Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Regole istituzionali e organizzazioni. Un quadro teorico di riferimento e un percorso di ricerca in una amministrazione pubblica locale

Attraverso l'approccio neo-istituzionalista ho provato, in questa ricerca, a comprendere, in modo approfondito, quali componenti cognitive, culturali, istituzionali orientino l'agire delle organizzazioni e in particolar modo delle Istituzioni come una Pubblica Amministrazione locale.
Tale approccio mi è servito per comprendere i processi di istituzionalizzazione che le organizzazioni mettono in atto per "sopravvivere" , innovarsi, e apprendere.
Ho cercato quindi di comprendere i miti razionalizzati che fanno da cornice ad ad una recente forma organizzativa all'interno delle pubbliche amministrazioni: la logica del servizio.
La mia ricerca qualitativa, quindi , si è sviluppata all'interno di una pubblica amministrazione locale (quella di Correggio RE) , che, per prima in Italia, ha costituito un ' Istituzione (organo strumentale ad essa) per i servizi educativi- scolastici-culturali e spotivi.
Ho quindi cercato di capire cosa è cambiato dopo la costituzione di questa forma organizzativa, e se al suo interno è stata applicata una logica del servizio.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Adottando una prospettiva neo-istituzionalista, oggetto di questo lavoro è lo studio del contesto istituzionale in cui prende forma l’agire delle organizzazioni. Quest’indagine si colloca, dunque, all’interno di una branca della sociologia generale: la sociologia economica. Tale disciplina, partendo dalle concezioni di alcuni autori classici come Weber, Parsons, Durkheim, Polanyi, ha sviluppato un autonomo e peculiare approccio sociologico alla vita economica. La sociologia economica interpreta i fenomeni economici utilizzando cornici di riferimento e modelli esplicativi offerti dalla teoria sociologica generale. La prospettiva sociologica ai fenomeni economici cerca di superare la visione riduzionistica ed economicistica della vita economica (propria della teoria economica dominante), e cerca di considerare fattori prettamente non economici per spiegare il funzionamento della vita economica. Considera, infatti, il radicamento sociale, culturale, politico e cognitivo dell’azione economica e il suo essere immersa nel contesto istituzionale entro cui si produce. Attualmente, all’interno della disciplina della sociologia economica, si possono distinguere due approcci fondamentali: l’approccio strutturalista e il neo-istituzionalismo economico di Powell e DiMaggio. Ho inteso sviluppare il mio lavoro di indagine all’interno del secondo approccio, focalizzando la mia attenzione sull’analisi del contesto istituzionale e sulla conseguente influenza che esso ha sull’agire dei soggetti. Ho così inteso inquadrare l’analisi delle forme organizzative e dell’agire organizzativo all’interno di questo approccio, soffermandomi principalmente su di una forma organizzativa al cui interno è applicata una “logica del servizio”.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Erica Iotti Contatta »

Composta da 223 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2116 click dal 19/12/2006.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.