Skip to content

Mercati finanziari ed economia reale: teorie, modelli e verifiche empiriche in area Euro

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Rizzo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Silvestro Lo Cascio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 112

Gli studi prodotti dalla moderna teoria finanziaria hanno permesso lo sviluppo di vari modelli di pricing, che hanno come obiettivo principale quello di fornire una spiegazione ai prezzi ed ai rendimenti dei titoli.
La costruzione di tali modelli permette agli operatori finanziari di avere a disposizione degli strumenti che permettano di investire oculatamente i capitali a disposizione, razionalizzando il rischio.
I modelli multifattoriali, in particolare, permettono di effettuare gestioni di portafoglio passive ed attive, diversificando specifici rischi o scommettendo sull’andamento di particolari variabili economiche. Inoltre, tali modelli permettono di adattare meglio il rendimento dei portafogli detenuti dagli investitori a determinati indici, anche imponendo vincoli al tipo ed al numero di titoli contenuti in esso.
I modelli multifattoriali comprendono la possibilità di fare uso delle variabili macroeconomiche al fine di spiegare i rendimenti dei titoli.
Il primo obiettivo di questo studio è di indagare un’eventuale esistenza di relazioni tra le variabili macroeconomiche e l’andamento dei rendimenti sul mercato finanziario.
Se tali relazioni risultano essere significative, cercheremo di sfruttarle al fine di produrre un modello multifattoriale che spieghi il processo di pricing dei titoli.
Per fare ciò è necessario individuare il mercato di riferimento sul quale stimare l’eventuale esistenza di relazioni e, quindi, il modello di pricing.
L’adozione della moneta unica europea a partire dal 1 gennaio 1999, e la conseguente disponibilità di una buona quantità di dati aggregati europei, ci ha spinto a studiare il mercato finanziario dei paesi dell’area Euro.
Il secondo obiettivo, dunque, è di verificare l’influenza degli indicatori economici aggregati a livello europeo sul pricing dei titoli delle maggiori imprese europee.
Nel caso in cui si riesca a pervenire ad un modello multifattoriale di pricing che utilizzi tali indicatori, potremmo concludere che le economie dei paesi europei hanno raggiunto un elevato grado di integrazione, e che, se si vuole investire in imprese italiane, francesi, tedesche, è necessario utilizzare sempre di più le variabili aggregate europee piuttosto che gli indicatori dei singoli paesi.
Per comprendere se il modello di pricing che impiega variabili macroeconomiche sia più o meno buono, è necessario individuare un termine di paragone. A tal fine, verranno costruiti dei modelli multifattoriali mediante l’impiego di una procedura di estrazione statistica dei fattori: l’analisi fattoriale.
Per ciascun modello effettueremo dei test di stabilità e di capacità previsiva, in modo da verificare la bontà dei risultati ottenuti anche in un’ottica di lungo periodo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 4 Introduzione Il mercato finanziario viene comunemente inteso come il complesso delle negoziazioni di titoli a medio e lungo termine, rappresentativi di capitali investiti durevolmente. Come per tutti i mercati, si ha un’offerta ed una domanda; la prima è costituita dai risparmiatori, i quali, avendo liquidità in eccesso, intendono investirla al fine di percepire un utile. La domanda è costituita: 9 dalle società commerciali, che emettono azioni (rappresentative del capitale sociale o di rischio) ed obbligazioni (rappresentative del capitale di debito); 9 dallo Stato, che emette i titoli del debito pubblico; 9 dalle banche, che emettono certificati di deposito ed altri prodotti finanziari. Dato il rendimento atteso (o fissato) di ciascuna attività, si formano i prezzi dei vari titoli. L’andamento dei prezzi dei titoli, dunque, varia nel tempo in dipendenza delle aspettative degli investitori. Il processo di formazione delle aspettative coinvolge diverse variabili, quali gli indicatori macroeconomici, le notizie sulla gestione dell’ente emittente del titolo, le caratteristiche dello stesso emittente e così via. In molti casi l’andamento dei prezzi sfugge ad ogni razionale spiegazione, e si vengono a formare le cosiddette bolle speculative: il prezzo di scambio si allontana dal valore reale del titolo a causa dell’intervento eccessivo degli speculatori, rialzisti o ribassisti. È per questo che spesso il mercato finanziario viene definito come un’economia “virtuale”, in contrapposizione all’economia reale, basata sui veri valori delle attività economiche.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi