Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il fisioterapista nel team di musicoterapia, nostra esperienza.

Questo lavoro nasce dall’esperienza maturata all’interno dell’istituto Sant’ Anna di Crotone e nello specifico dall’attività svolta nel laboratorio di regolazione sensoriale e relazionale integrata e musicoterapia.
All’interno del laboratorio viene svolto un servizio di valutazione e trattamento destinato potenzialmente a tutti i pazienti ricoverati nell’istituto Sant’ Anna che di questo trattamento si possano giovare.
Nella preparazione di questa tesi viene illustrata l’esperienza, e vengono portati dei casi clinici, riferiti a pazienti in Stato Vegetativo o con disturbi dello stato di coscienza e cognitivo comportamentali secondari a trauma cranico e quella di pazienti con disturbi prevalentemente psichiatrici.
La scelta di approfondire specificamente il ruolo che può avere la musicoterapia all’interno di un progetto riabilitativo interdisciplinare se dipende da una mia particolare passione verso tutto l’universo sonoro musicale rappresenta anche l’area del piano di trattamento riabilitativo in un paziente cerebroleso e/o con disturbi psicocomportamentali in cui si realizza meglio il lavoro in team multidisciplinare. Con la possibilità per figura diverse come possono essere, il musicoterapeuta ed il terapista della riabilitazione, di lavorare in sinergia ognuno curando l’area di propria competenza.
Musicoterapia, meloterapia, musicotanatologia, fonoterapia, effetto Mozart, suggesto-pedia, Gim (Guided imagery and music), ascolto terapeutico, musicoterapia di terreno, danzaterapia, musica trans-personale,sistema della globalità dei linguaggi, musicoterapia immaginativa, biomusicoterapia…
Queste e moltissime altre manifestazioni espresse con tanto zelo classificatorio nascondono in realtà un fenomeno assai vasto e diffuso, in cui rientrano numerose modalità d’utilizzo della musica e dei suoni, secondo vari indirizzi e in vari settori terapeutici.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Questo lavoro nasce dall’esperienza maturata all’interno dell’istituto Sant’ Anna e nello specifico dall’attività svolta nel laboratorio di regolazione sensoriale e relazionale integrata e musicoterapia. All’interno del laboratorio viene svolto un servizio di valutazione e trattamento destinato potenzialmente a tutti i pazienti ricoverati nell’istituto Sant’ Anna che di questo trattamento si possano giovare. Nella preparazione di questa tesi viene illustrata l’esperienza, e vengono portati dei casi clinici, riferiti a pazienti in Stato Vegetativo o con disturbi dello stato di coscienza e cognitivo comportamentali secondari a trauma cranico e quella di pazienti con disturbi prevalentemente psichiatrici. La scelta di approfondire specificamente il ruolo che può avere la musicoterapia all’interno di un progetto riabilitativo interdisciplinare se dipende da una mia particolare passione verso tutto l’universo sonoro musicale rappresenta anche l’area del piano di trattamento riabilitativo in un paziente cerebroleso e/o con disturbi psicocomportamentali in cui si realizza meglio il lavoro in team multidisciplinare. Con la possibilità per figura diverse come possono essere, il musicoterapeuta ed il terapista della riabilitazione, di lavorare in sinergia ognuno curando l’area di propria competenza. Musicoterapia, meloterapia, musicotanatologia, fonoterapia, effetto Mozart, suggesto-pedia, Gim (Guided imagery and music), ascolto terapeutico, musicoterapia di terreno, danzaterapia, musica trans- personale,sistema della globalità dei linguaggi, musicoterapia immaginativa, biomusicoterapia… Queste e moltissime altre manifestazioni espresse con tanto zelo classificatorio nascondono in realtà un fenomeno assai vasto e diffuso, in cui rientrano numerose modalità d’utilizzo della musica e dei suoni, secondo vari indirizzi e in vari settori terapeutici. <<che dei suoni dalle caratteristiche ben determinate possano provocare il risveglio della dimensione metafisica che è in ciascuno di noi.

Tesi di Laurea

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Gianluca Panebianco Contatta »

Composta da 54 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5221 click dal 20/12/2006.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.