Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Angels

Il lavoro è una lettura semiotica del Direttorio per le Comunicazioni Sociali della CEI che cerca di esplorare l'apparato iconografico della parte cartacea del documento, basato sugli angeli, e le sue iteriazioni con il contenuto del testo scritto. Ogni capitolo ha una citazione di una canzone rock che accenna agli angeli.

Mostra/Nascondi contenuto.
De angelis When the angel of death, comes a looking for me Hear the angels sing I hope I was everything I was supposed to be When the angels sing SOCIAL DISTORTION, When the angels sing, from White light, white heat, white trash (1997) Ad illustrare il Direttorio sulle Comunicazioni sociali, secondo uno stile che oramai caratterizza le pubblicazioni più significative della CEI, sono stati scelti gli angeli. Esseri che sono nati per la comunicazione, anzi il cui nome indica la comunicazione, in maniera specifica quella tra Dio e l’uomo. ;Aggeloj (da avgge,llw, dire, annunciare) infatti, è colui che viene inviato da Dio a comunicare qualcosa a qualcuno. Sant'Agostino dice a loro riguardo: "Angelus officii nomen est, non naturae. Quaeris nomen huius naturae, spiritus est; quaeris officium, angelus est: ex eo quod est, spiritus est, ex eo quod agit, angelus - La parola angelo designa l'ufficio, non la natura. Se si chiede il nome di questa natura si risponde che è spirito; se si chiede l'ufficio, si risponde che è angelo: è spirito per quello che è, mentre per quello che compie è angelo" 1 . In tutto il loro essere, gli angeli sono servitori e messaggeri di Dio. Per il fatto che "vedono sempre la faccia del Padre. . . che è nei cieli" (Mt 18,10), essi sono "potenti esecutori dei suoi comandi, pronti alla voce della sua parola" (Sal 103,20) 2 . Troviamo in questa figura non tanto l’essere incorporeo che aleggia come fosse un fantasma, caro a tanto immaginario collettivo; né il putto alato dell’iconografia barocca. Non c’è neanche la sdolcinatezza degli angeli riscoperti della new age. C’è qui il mistero della comunicazione in tutta la sua pienezza teologica: Dio comunica con gli uomini e con tutta la creazione attraverso i suoi angeli, suoi messaggeri. 1 AGOSTINO D’IPPONA, Enarratio in Psalmos, 103, 1, 15. 2 Catechismo della Chiesa Cattolica, n. 329. 2

Tesi di Master

Autore: francesco guglietta Contatta »

Composta da 23 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 642 click dal 20/12/2006.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.