Skip to content

La conciliazione nei contratti turistici tra vessatorietà della clausola conciliativa e tutela dei diritti del turista

Informazioni tesi

  Autore: Carmine Pignataro
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Rodolfo Vitolo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 214

La conciliazione è un procedimento cooperativo nel quale un terzo soggetto imparziale, che prende il nome di conciliatore, nel corso di incontri congiunti e sessioni private e con l’utilizzo di tecniche di comunicazione, aiuta i soggetti coinvolti ad instaurare un dialogo e a valutare possibili ipotesi di risoluzione della controversia, facendo contribuire le parti all’individuazione dell’accordo che meglio soddisfa i rispettivi reali interessi.
Con la conciliazione, superando le ostilità tipiche del processo, le parti in lite si concentrano non più sull’attribuzione di torti e ragioni, ma sul ventaglio delle possibili soluzioni accettabili che possano chiudere con soddisfazione la controversia insorta.
Il ricorso alla procedura di conciliazione può essere previsto dal contratto commerciale mediante l’introduzione di una specifica clausola, oppure può essere attivato da una delle parti che in seguito all’insorgere di una controversia deposita la domanda di conciliazione presso la segreteria dell’organismo che gestirà il procedimento.
Gli organismi che intendono svolgere procedimenti conciliativi devono essere iscritti in un apposito registro tenuto dal Ministero delle Giustizia e devono depositare presso il medesimo ministero, il proprio regolamento di procedura. Per le Camere di Commercio è prevista una particolare disciplina che le esonera dallo svolgimento di un procedimento amministrativo volto ad accertare la sussistenza delle condizioni necessarie per l’iscrizione.
La procedura conciliativa può terminare con o senza il raggiungimento di un accordo.
Qualora venga raggiunto, l’accordo ha la medesima efficacia di un vincolo contrattuale che, a seconda del contenuto, potrà essere qualificato come transazione o negozio di accertamento, tranne nei casi in cui il legislatore abbia espressamente previsto la possibilità di conferirgli l’efficacia di titolo esecutivo.
Gli elementi fondamentali su cui si basa la conciliazione sono la riservatezza, la volontarietà, valutazione di elementi anche non giuridici, l’ economicità e la celerità.
La conciliazione è, da sempre, uno strumento vicino ai consumatori e così, in seguito alle nuove esigenze di questi ultimi di poter effettuare degli acquisti tramite internet, si è sviluppata la possibilità di poter risolvere, on line, le divergenze nascenti da contrattazioni effettuate attraverso l’uso di strumenti informatici.
Alla vendita via internet così come al costante aumento della voglia/necessità di viaggiare, registratosi in questo decennio, è collegata l’introduzione, nel settore turistico, dei pacchetti di viaggio “all inclusive”.
Ad oggi la conflittualità, derivante dal settore turistico, che giunge fino alle aule dei Tribunali, sia nei rapporti tra imprenditori, quanto tra imprenditori e consumatori, rappresenta un fenomeno la cui portata appare molto limitata, soprattutto se si tiene conto del volume d’affari complessivo creato dall’indotto turistico.
Il motivo che ha consentito e che ancora consente il mantenimento di un numero di controversie che può considerarsi sottodimensionato rispetto al numero dei rapporti che si instaurano nel settore turistico è da ricercarsi nell’atteggiamento remissivo dei turisti in conseguenza del quale gli inadempimenti contrattuali degli operatori turistici tendono a non emergere.
Le associazioni dei consumatori ritengono, infatti, che numerosi consumatori sebbene riscontrino delle anomalie nei servizi loro offerti rispetto a quanto stabilito contrattualmente non propongano alcun tipo di reclamo per non imbattersi in una procedura giudiziale lunga e costosa.
Rispetto a questa microconflittualità sotterranea, che non giunge quasi mai agli onori della cronache giudiziarie, la risposta non può essere certo rappresentata dall’ordinario giudizio civile che, con i suoi tempi ed i suoi costi, disincentiva i soggetti dall’avanzare delle legittime pretese.
Per questo motivo è da più parti, ormai, che da tempo si lavora per l’introduzione nei contratti turistici di una clausola obbligatoria che rimandi le controversie, nascenti organizzatore/venditore e consumatore ad una procedura di ADR.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
La conciliazione nei contratti turistici, tra vessatorietà della clausola conciliativa e tutela dei diritti del turista. Introduzione L’epoca attuale si contraddistingue per la conquista di maggiori spazi da parte dell’autonomia privata o dell’autodeterminazione. Il potere d'esplicare la propria personalità, regolando come meglio si crede i rispettivi interessi, s’inserisce nell’ordinamento italiano quale principio garantito dalla costituzione (artt. 2, 3,4 1 Cost.), noto come autonomia negoziale (art. 1322 c.c.). “Questo significa, non solo che le parti si vincolano esclusivamente se vogliono, ma anche che s’impegnano nel modo che vogliono, dando ai loro accordi il contenuto che meglio si adatta alle relative esigenze” 1 . Il negozio giuridico si pone, in tale sistema, come il mezzo di maggior risalto con il quale si attua nel diritto privato l'autonomia dei soggetti. “Il principio dell'autonomia contrattuale, inteso come segno di liberazione e di emancipazione da qualsiasi costrizione del potere politico, risultato della generale vittoria dell'individualismo, si mostra carente nell'ambito della tutela della persona nell'era dello sviluppo industriale; talvolta è stato addirittura utilizzato per perpetuare situazioni di abuso nei confronti dei soggetti più deboli” 2 . 1 A. Trabucchi, I contratti in generale, Istituzioni di diritto civile, Cedam, 2001, pag. 667. 2 F. Macioce L’obbligazione e il contratto, Giappichelli, pag 85. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adr
clausole
codice del consumo
conciliazione
contratti standard
contratti turistici
controversie
d. lgs. 6 settembre 2005
diritto
turismo
tutela
vessatoriatà

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi