Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le affinità cinetiche

le affinità cinetiche è una tesi strutturata in capitoli modulari che tratta il rapporto tra il cinema di Stanley Kubrick e l'arte di Marcel Duchamp; ogni capitolo tende ad affrontare un aspetto dell'affinità racchiusa nel titolo e nelle immagini, catturate e rielaborate, che ne cingono il significato spesso nascosto dall'apparenza dei segni espliciti.
Un lavoro pensato ed elaborato con il consiglio e lo straordinario supporto non solo di uno dei più attenti ed analitici critici del cinema ma anche di un grande insegnante d'arte contemporanea.
Il discorso si sviluppa in maniera progressiva prendendo in considerazione i più importanti saggi e scritti sull'opera dei due grandi artisti con riferimenti alla letteratura ed alla filosofia che hanno segnato il novecento artistico e culturale

Mostra/Nascondi contenuto.
7 AVVERTENZE “Con la prima visione, con il primo contatto, con il primo piacere, c’è iniziazione, e cioè non posizione di un contenuto, ma apertura di una dimensione che non potrà più essere richiusa, instaurazione di un livello in rapporto al quale, ormai, ogni altra esperienza sarà riferita.” (Merleau-Ponty Maurice. Il visibile e l’invisibile. Bompiani. Milano. 2003. p166) Poche righe e nessuna spiegazione. Queste avvertenze non possono avvalorare o spiegare né l’esperienza di studi che si conclude tanto meno la realizzazione di questo progetto finale tanto “desiderato”. Questa tesi, o meglio “quest’idea”, nasce dalla suggestione per le immagini che la racchiudono, dalle affinità ben celate sotto la superficie di due percorsi artistici “fuori dall’ordinario” (quindi unici ed irripetibili) ma soprattutto dalla volontà di metterle a nudo. La comparazione che ne segue, strutturata attraverso capitoli modulari, giustapposti e reversibili, certamente anomala ed azzardata, è in un certo senso una “scommessa in se stessa”, non cerca di far emergere nuove verità, chiavi di lettura o interpretazioni. La scelta casomai, o piuttosto la “sfida”, è proprio quella di muoversi all’interno del “già detto”, organizzare un discorso personale attraverso citazioni ed analisi affermate quanto eterogenee, comunque parziali e mai assolute, opposte e paradossalmente (magicamente?) tutte vere.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Umanistiche

Autore: Gianmarco Nevi Contatta »

Composta da 165 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 940 click dal 10/01/2007.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.