Skip to content

Il flusso migratorio dei rumeni in Italia. Storie, problematiche, aspetti sociali.

Informazioni tesi

  Autore: Emilio Costantino
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Teramo
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze statistiche
  Relatore: Daniele Ungaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 119

L’idea di una tesi sull’immigrazione, in particolare rumena, è strettamente correlata al dibattito sempre più attuale, legato a questo fenomeno. Il riferimento specifico all’immigrazione rumena nel nostro territorio nasce da una parte per la presenza ormai cospicua di cittadini rumeni in Italia, dall’altra,perché ho sempre subito il fascino della storia dei Paesi dell’Est Europeo, in particolar modo della Romania, che è sempre stata una Nazione sui generis all’interno dell’ex blocco sovietico. Popolo latino, assimilato ad un blocco di matrice slava, di cui ha subito influssi nella lingua, nell’imposizione di un modello politico, ha sempre rivendicato la propria alterità culturale, che si è palesata soprattutto nell’imprimatur nazionalista del regime di Ceausescu, finalizzato a rendere la Romania indipendente dall’ex blocco socialista. Questo per me era un dato molto interessante da analizzare.
Il presente lavoro si articola in un’introduzione, tre capitoli ed una conclusione. A fine tesi, è stata allegata un’appendice, riportante le interviste integrali fatte agli immigrati rumeni e a cittadini italiani.
Questo studio si propone come finalità l’analisi del fenomeno dell’immigrazione rumena in Italia, seguendo un percorso ben preciso: nel primo capitolo si è affrontata la storia politica della Romania, in primo luogo, con brevi accenni alle sue origini, poi, ripercorrendo le tappe peculiari del regime comunista – insediatosi in questo Paese dopo la seconda guerra mondiale – fino alla caduta del sistema socialista.
Non era possibile, infatti, affrontare il fenomeno migratorio rumeno in Italia, senza prima capire l’evoluzione storica di questa nazione, abbastanza complessa e particolare, come vedremo in seguito.
Il secondo capitolo ci introduce più concretamente nel tema di questa ricerca: il primo paragrafo tratta il periodo post comunista in Romania, la situazione politica attuale, la nascita di questa neo-democrazia, per alcuni versi “traballante”, presentando le varie problematiche interconnesse, facendoci cogliere le motivazioni legate all’emigrazione da questo Paese.
In seguito, ossia nel secondo paragrafo, a sua volta suddiviso in quattro sottoparagrafi, ho cercato di mettere in rilievo prima di tutto la radice etimologica di “emigrazione” ed “immigrazione”, successivamente ho cercato di analizzare il fenomeno dell’immigrazione italiana nel contesto europeo, esaminando le modalità di intervento dell’UE rispetto alla politica migratoria, soprattutto dell’Est Europeo, la legislazione italiana in materia di immigrazioni: in questo sotto paragrafo è stato delineato un excursus legislativo, con le caratteristiche più determinanti, le eventuali evoluzioni o regressioni legislative i materia di immigrazione.
Infine negli ultimi due paragrafi si è tentato di entrare più direttamente nel “caso rumeno”, prima con un’analisi della problematica dell’integrazione dello straniero in Italia e sulle modalità di azione e reazione della società italiana; poi, con uno studio delle presenze culturali e religiose, portate dagli stranieri, del ruolo della chiesa cattolica italiana. Il discorso si è sviluppato in modo sia generale, trattando la problematica dell’immigrazione, che particolare con precisi riferimenti all’immigrazione rumena.
L’ultimo paragrafo presenta i discorsi dei Presidenti della Repubblica Rumena e Italiana, introducendo il terzo capitolo, riguardante le problematiche e gli aspetti sociali dell’immigrazione rumena in Italia.
L’ultimo capitolo utilizza, a livello metodologico, l’indagine diretta attraverso lo strumento dell’intervista: si è ritenuto opportuno che la migliore fonte di ascolto fosse la “viva voce” dei protagonisti , sia rumeni che italiani, per guardare il fenomeno sia dal punto di vista dell’ “ospitato” che dell’ “ospitante. Ne è scaturito un dialogo a più voci, che ha messo in rilievo le storie, le speranze, le paure, le motivazioni più profonde, apportati dai due mondi.
È stata un’esperienza interessante a livello culturale, ricca dal punto di vista umano, ma anche difficile, in quanto, sovente, mi sono confrontato con le timidezze, con le paure, con il disagio causato dall’uso del registratore.
La conclusione è sui generis, poiché è rappresentata da una testimonianza di una persona italiana, che è stata per qualche tempo in Romania. Mi è sembrato un modo originale di chiudere questa ricerca, senza appesantirla ulteriormente con pareri, ipotesi, che, comunque, erano state già affrontate durante il corso del lavoro.
L’appendice, infine, riporta integralmente le interviste, con qualche modifica, laddove si è reso necessario, per rendere le espressioni corrette linguisticamente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L’idea di una tesi sull’immigrazione, in particolare rumena, è strettamente correlata al dibattito sempre più attuale, legato a questo fenomeno. Il riferimento specifico all’immigrazione rumena nel nostro territorio nasce da una parte per la presenza ormai cospicua di cittadini rumeni in Italia, dall’altra,perché ho sempre subito il fascino della storia dei Paesi dell’Est Europeo, in particolar modo della Romania, che è sempre stata una Nazione sui generis all’interno dell’ex blocco sovietico. Popolo latino, assimilato ad un blocco di matrice slava, di cui ha subito influssi nella lingua, nell’imposizione di un modello politico, ha sempre rivendicato la propria alterità culturale, che si è palesata soprattutto nell’imprimatur nazionalista del regime di Ceausescu, finalizzato a rendere la Romania indipendente dall’ex blocco socialista. Questo per me era un dato molto interessante da analizzare. Il presente lavoro si articola in un’introduzione, tre capitoli ed una conclusione. A fine tesi, è stata allegata un’appendice, riportante le interviste integrali fatte agli immigrati rumeni e a cittadini italiani. Questo studio si propone come finalità l’analisi del fenomeno dell’immigrazione rumena in Italia, seguendo un percorso ben preciso: nel primo capitolo si è affrontata la storia politica della Romania, in primo luogo, con brevi accenni alle sue origini, poi, ripercorrendo le tappe peculiari del regime comunista – insediatosi in questo Paese dopo la seconda guerra mondiale – fino alla caduta del sistema socialista. Non era possibile, infatti, affrontare il fenomeno migratorio rumeno in Italia, senza prima capire l’evoluzione storica di questa nazione, abbastanza complessa e particolare, come vedremo in seguito. Il secondo capitolo ci introduce più concretamente nel tema di questa ricerca: il primo paragrafo tratta il periodo post comunista in Romania, la situazione politica attuale, la nascita di questa neo-democrazia, per alcuni versi “traballante”, presentando le varie problematiche interconnesse, facendoci cogliere le motivazioni legate all’emigrazione da questo Paese.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi