Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le misure alternative alla detenzione: l'affidamento in prova al servizio sociale


La tesi ha ad oggetto la ricostruzione del percorso legislativo, giurisprudenziale e politico-criminale delle misure alternative alla detenzione, con particolare riferimento all'affidamento in prova al servizio sociale, attraverso un'attenta analisi della pena e delle sue funzioni. Il lavoro è lungo e scrupoloso, in quanto si è cercato di trattare in modo esauriente tutti gli aspetti e le problematiche connesse all'argomento.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I I principi ordinamentali del diritto penale Il diritto penale è costituito dall’insieme delle norme dell’ordinamento giuridico che, prevedono e disciplinano l’applicazione di una misura sanzionatoria di carattere giuridico-penale (sanzione criminale), come conseguenza di un comportamento umano, definito reato dalla legge. La legge penale, infatti, alla pari d’altri rami del diritto e d’altri apparati extragiuridici, costituisce un sistema di controllo sociale che, interviene quando un minimo d’organizzazione sociale si è formato, al fine di tutelarne i valori fondamentali. E’ così che, la norma penale non crea un interesse meritevole di tutela, bensì lo rinviene nel tessuto sociale, quale dato “pregiuridico” in esso preesistente: si attua così una funzione di tutela dei beni giuridici, attraverso la quale il diritto penale tende alla soddisfazione dei bisogni radicali. Il punto di partenza per poter individuare i principi fondamentali che, reggono il nostro sistema di diritto penale è, a mio avviso, una 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Barbara Garofalo Contatta »

Composta da 397 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8447 click dal 10/01/2007.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.