Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Caratterizzazione di acciai di nuova generazione per impieghi automobilistici

Lo scopo del mio elaborato è di ottenere e confrontare risultati riguardanti giunti di acciai saldati di nuova generazione, con acciai classici già presenti da tempo sulle vetture italiane.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Sono passati molti anni dalla creazione del manifesto della prima vettura FIAT riportato qui accanto. Siamo, infatti, a Torino e corre l’anno 1899. Da allora fino ad oggi l’evoluzione del mercato, delle richieste e delle tecnologie sono state continue. Sono nate case costruttrici nuove che a loro volta hanno avuto un’evoluzione creando una massiccia concorrenza; proprio quest’ultimo è il motivo che spinge l’industria automotive e non solo all’ottimizzazione dei processi. Chi di noi al giorno d’oggi non vorrebbe possedere un auto sicura, silenziosa, confortevole, prestante, che consumi poco? Questo è sicuramente ciò che si cerca di realizzare, ma purtroppo come sempre bisogna scendere a compromessi con quanto mette a disposizione il mercato e solo tramite la ricerca ci si avvicina a quanto desiderato. Cambiano quindi i materiali, diventano sempre più performanti ed è in questo contesto che si inserisce la mia tesi. Lo scopo del mio elaborato è di ottenere e confrontare risultati riguardanti giunti di acciai saldati di nuova generazione, con acciai classici già presenti da tempo sulle vetture italiane. In particolare mi sono occupato di acciai denominati TRIP. Questi sono molto resistenti (basti pensare che hanno un carico massimo a rottura di 800 Mpa) e permettono quindi, a parità di qualità e sicurezza, un alleggerimento della vettura consistente, con riduzione dei costi, dei consumi ed un miglioramento delle prestazioni. Il confronto non si è limitato solo al materiale, ma ho cercato di individuare quale fosse la migliore tipologia di saldatura tra quella a punti, ad arco, mig brazing, laser; infine l’ultima è stata testata con più forme di saldatura: di testa, tratto obliquo, circolare. La mia tesi non vuole essere un trattato esaustivo su quello che è l’aspetto materiali e saldature dell’industria automobilistica, ma è solo una nicchia molto importante che riguarda l’evoluzione dei materiali metallici, nello specifico lamiere, e l’applicazione dei nuovi ritrovati nell’industria automotive. Questo è stato anche l’argomento della mostra “100 anni di industria” svolta in occasione del centenario Fiat in cui era evidente il contrasto: officina artigianale di fine Ottocento con le prime auto 4Hp e l'era dei robot, delle saldature laser e dell’informatica

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Fabio D' Aiuto Contatta »

Composta da 185 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 537 click dal 19/05/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.